Airbnb sostituto d'imposta nel 2024? Cosa fare?

Airbnb sostituto d'imposta nel 2024?

Airbnb trattiene le tasse sui redditi percepiti dei proprietari di casa?

Sì, Airbnb ha sottoscritto un accordo con il fisco italiano per cui sarà, a breve, sostituto d'imposta.
manovra affitti brevi airbnb
Airbnb sostituto d'imposta 2024

Airbnb e pagamento tasse 2024

Come anticipato, Airbnb sarà sostituto d'imposta ovvero tratterrà le tasse (ritenuta delle imposte sul reddito: quelle che oggi si pagano come "cedolare secca o Irpef ") dalle cifre corrisposte agli host che NON hanno partita Iva e le invierà in automatico all'Agenzia delle Entrate in modo che il proprietario di casa non dovrà più farlo in autonomia, in sede di dichiarazione dei redditi. Non si sa ancora il mese in cui partirà il tutto ma è molto probabile che ciò avvenga nel 2024.

TUTTAVIA finché Airbnb non sarà pronto ad adempiere alla normativa italiana, avviando tutto l'iter burocratico, resta fermo e chiaro, per il locatore, l'obbligo di dichiarare  le somme guadagnate attraverso questa piattaforma e pagarci in autonomia le imposte dovute.

Cosa devi fare se già affitti casa su Airbnb?

  • Se NON sei in regolapuoi regolarizzare la tua posizione (magari il prima possibile evitandoti multe sino a 8000€) facendo richiesta del codice identificativo regionale (anche online). Consulta il mio manuale e metti in pratica la procedura elencata.
  • Se sei in regola non devi fare NULLA, se non seguire le disposizioni che Airbnb ti invierà via email e nella tua dashboard e fornire tutti i dati necessari (dati catastali, dati della persona a cui accredita gli affitti...). Airbnb sta svolgendo tutte le pratiche per conformarsi al DAC7: la normativa quadro europea sulla trasmissione dei dati fiscali da parte delle piattaforme digitali.

Airbnb e fisco italiano

Le informazioni raccolte da Airbnb obbligatorie per pubblicizzarsi sul suo sito (dati catastali, giorni di affitto, indirizzo dell’appartamento, importi riscossi...),  saranno successivamente utilizzate dal Fisco italiano il quale sarà in grado di incrociare le informazioni ricevute con le dichiarazioni fiscali del proprietario di casa. Potrà calcolare e verificare il volume di affari generati. Nel caso di mancata corrispondenza tra i dati, verrà avviato un accertamento.

NON dovrò più dichiarare i redditi percepiti da Airbnb?

Quando Airbnb comincerà a versare l'imposta sugli affitti guadagnati, il locatore avrà comunque l'obbligo di dichiarare le somme percepite nella dichiarazione dei redditi, chiaramente se Airbnb già trattiene e paga le imposte, non verranno decurtate ulteriormente.

Manovra affitti brevi quando entra in vigore?

Il 2024 si prevede un anno ricco di cambiamenti in ambito affitti brevi dalla variazione della cedolare secca, al limite del numero di notti, ai dispositivi di sicurezza obbligatori, al codice identificativo nazionale (CIN) invece che regionale (CIR)... se vuoi rimanere aggiornato su tutti i cambiamenti seguici su Facebook.

Aggiornato nel 2023

Nessun commento:

Yandex.Metrica