Cerca nel blog

IMBIANCARE I MURI DI CASA CON LA PISTOLA A SPRUZZO: cose da sapere

20:42 0 Comments
Pistola a spruzzo per imbiancare le pareti di casa o verniciare legno, plastica e altri materiali: esperienza diretta. Come si usa e quale è meglio comprare. Prezzi e opinioni.

Ho comprato casa nuova: un piccolo bilocale di 50 metri quadrati che sarà la mia "tanina" italiana.
Mi sono messa in testa di sistemare l'appartamento e arredarlo con un budget di 7000€, con gusto e un minimo di qualità ma soprattutto funzionale per cui scriverò vari articoli sui vari passaggi verso il mio obiettivo in modo che, se tu ti trovi nella medesima situazione, ne puoi trarre spunto.

Si parte dall'inizio dei lavori di ristrutturazione... casa vuota, pareti da tinteggiare.

IMBIANCARE I MURI DI CASA CON LA PISTOLA A SPRUZZO


Nella foto puoi vedere l'appartamento come l'ho trovato dopo il rogito:

Pistola a spruzzo per verniciare
PISTOLA A SPRUZZO PER IMBIANCARE


Completamente vuoto, come avevo chiesto, con delle pareti "arcobaleno" tinte con dei colori vivaci. Decisamente troppo per i miei gusti e troppo soffocanti per una stanza piccola.

Come capirai il primo lavoro da fare è quello di tingere le pareti di bianco di tutta la casa. 😓
Con un budget piccolo alcuni lavori non posso delegarli per cui, partiamo con il fai da te.

Non avevo voglia di usare il pennello o il rullo per imbiancare le pareti per cui ho optato per una soluzione alternativa vista in tv: la pistola a spruzzo sperando di imbiancare più velocemente e di stancarmi di meno visto che non sono fisicata e non sono abituata a fare lavori così pesanti.

PISTOLA A SPRUZZO PER IMBIANCARE: quale e come usarla


Anche se cerchi una pistola a spruzzo economica, perchè non fai l'imbianchino e ti serve per qualche lavoro occasionale, mi sento di consigliari di fare attenzione a 3 cose:

Scegli una pistola a spruzzo che sia:

1. Elettrica. Lo do per scontato visto che non ti auguro di pitturare casa con una pistola a spruzzo manuale.

2. Comoda da tenere in mano valuta tu se il motore lo preferisci integrato o da tenere a tracolla su una spalla. Io non riempivo tutto il serbatoio di pittura perchè pesava troppo per il mio "braccino" ma se sei un uomo non avrai difficoltà.

3. Con ugelli di varie misure. L'ideale per pitturare i muri di casa è avere un ugello di almeno 2,5 mm (vedi immagine sotto). Io ero partita a spruzzare con quello da 1 mm praticamente usciva un sottile strato di tempera e l'ugello si intasava subito. Dipende molto anche dalla tempera usata se diluita o meno comunque io consiglio di usare l'ugello più grande da 2,5 e seguire le indicazioni sull'acqua da aggiungere per diluire la tempera. Mi raccomando compra una tempera idonea per vernice a spruzzo.

Pistola a spruzzo per pitturare i muri

Pistola a spruzzo per imbiancare i muri di casa

Cose da sapere

La possibilità di cambiare direzione del flusso è comoda per rifinire angoli, se pitturi stando in basso o in alto o per cambiare posizione: una mano di pittura la passi da destra a sinistra e l'altra dall'alto verso il basso per essere sicuri di riempire bene la parete di colore e non lasciare macchie.


QUALE PISTOLA A SPRUZZO SCEGLIERE?


Basandomi sui consigli che ti ho dato nel capitolo precedente, mi sento di consigliarti questa Pistola a Spruzzo 800W Tacklife:



Ha tutte le caratteristiche richieste per tinteggiare le pareti di casa velocemente. 
👉 Ricordo che con la pistola a spruzzo si possono verniciare anche i mobili, termosifoni, metallo, qualsiasi materiale... è sufficiente comprare la vernice idonea.

IMBIANCARE LE PARETI DI CASA CON la PISTOLA A SPRUZZO OCCORRENTE


1. PISTOLA A SPRUZZO

2. Kit di protezione:

- Guanti
- Occhiali di protezione
- Maschera protettiva
- Tuta protettiva o vestiti vecchi da buttare
- Nastro carta per coprire le parti da non pitturare



3- PITTURA COPRENTE:

mi sono fatta consigliare una pittura coprente da un professionista perché le pareti di casa, oltre ad avere 5 colori diversi, erano colori molto forti. Se trovo il barattolo a casa, ti faccio una foto. Veramente ottima come coprenza e bianco brillante.



Pistola a spruzzo opinioni 


La pistola a spuzzo velocizza il lavoro di tinteggiatura delle pareti di casa?

Sì, il lavoro di pittura è più veloce che con pennello e rullo: i tempi si dimezzano.
Pur essendo la prima volta che usavo una pistola a spruzzo e quindi mi sentivo un po' imbranata, devo dire che sono molto soddisfatta il lavoro è uscito bene.

La foto non rende come dal vivo ma giusto per farti vedere la prima parte del lavoro. Evidenzio che si dovrebbe partire a pitturare dall'alto verso il basso ma avevo dimenticato la scala e non avevo voglia di rifarmi il viaggio per prenderla.

pitturare le pareti con la pistola a spruzzo
Pitturare i muri con la pistola a spruzzo


Le pareti sono perfettamente bianche e i colori accesi non si vedono più. Va detto che la qualità della pittura scelta ha fatto la sua parte.

Il tempo si perde per preparare ma soprattutto ripulire tutto dopo l'uso. Il serbatoio della pistola va svuotato, riempito di acqua, rimontato e spruzzato finchè non esce acqua senza colore. Va pulito l'ugello e asciugato il tutto per mantenere la pistola in buone condizioni.
Se vuoi cimentarti e hai qualche dubbio da chiarire, lascia pure un commento nel riquadro sotto l'articolo.

Ti lascio con la mia versione pronta per verniciare i muri fai da te (mazza che stato 😆)... tuta protettiva "leggermente" fuori taglia, giusto quelle 3 in più.

verniciare le pareti fai da te

Bene, anche per oggi è tutto se anche tu vuoi invitare la tua partner ad aiutarti a dipingere i muri, condividi il post sul tuo social preferito al motto di: yes, we can!
Aggiornato Novembre 2018
Moira R.

COME RISPARMIARE IN CASA?

21:47 0 Comments
Come risparmiare in casa senza rinunce e tecniche di risparmio? Come risparmiare energia elettrica? Come evitare che i tuoi ospiti alzino la temperatura del termostato? Spendere meno senza cambiare le tue abitudini ma solo comprando le cose giuste.

come risparmiare in casa

COME RISPARMIARE IN CASA?


Come avrai letto già in numerosi articoli sul web, ci sono dei comportamenti saggi per risparmiare soldi in casa come quella di:

  • spegnere le luci quando usciamo da una stanza,
  • chiudere l'acqua del lavabo quando ci spazzoliamo i denti, 
  • Usare forno e la lavatrice nella fascia oraria più conveniente...
MA non sempre possiamo avere controllo su tutto: a volte le cattive abitudini sono talmente radicate che tendiamo a riprenderle velocemente, oppure viviamo in casa con persone che non attuano queste buone pratiche oppure affittiamo casa ai turisti e si sa che i più non hanno riguardo sulle spese che affronteremo per cui dobbiamo risolvere il problema alla radice.

Qui di seguito alcune cose che puoi sostituire in casa per ridurre i consumi e pagare meno le bollette, di anno in anno, ripagandoti anche il costo "dell'investimento" iniziale.
Vediamo come alcuni oggetti ti possono aiutare con il risparmio energetico e a spendere meno soldi senza rinunciare a nulla e senza strozzare marito, figli o inquilini in vacanza. 😉




COME RISPARMIARE IN CASA


Come risparmiare energia in casa?

Lo sai che le nuove lampade a Led possono farti risparmiare persino l'80% di energia? Eh sì, hanno un bassissimo consumo energetico rispetto a tutte le lampadine che le hanno precedute: alogene, ad incandescenza, le classiche lampade energetiche ecc...

Per cui, è saggio sostituire tutte le lampadine di casa con delle...
👉 LAMPADINE A LED soprattutto se hai l'abitudine di lasciarle accese molte ore. Queste linkate sostituiscono le classiche lampadine con l'attacco E27. Emettono rigorosamente luce calda, che è più confortevole e disturba meno la vista. La confezione da 6 ti permette anche di risparmiare rispetto all'acquisto di lampadine singole. In più, hanno anche un altro vantaggio: durano tantissimo prima di esaurirsi.

Un altro modo per abbassare i consumi è quello di usare un...
👉PICCOLO FORNETTO ELETTRICO di 23 litri per sostituire o alternare quello ad incasso più capiente che ci mette più tempo a riscaldarsi e quindi più esoso nei consumi. Il piccolo fornetto lo puoi usare anche come secondo forno quando devi solo riscaldare il pane, scongelare qualcosa o per cucinare piatti pronti surgelati.

Come risparmiare i consumi di acqua in casa?

👉 SOFFIONE DOCCIA PRESSURIZZATO utilizza un esclusivo design a risparmio idrico e pressurizzato che senza che tu faccia nulla ti fa risparmiare anche il 40% di acqua durante la doccia.
👉 AERATORE PER RUBINETTO "One Touch" se hai dei rubinetti con due manopole, che non consentono una regolazione fissa della temperatura, è normale che non chiudi e apri l'acqua ogni volta... troppo sbattimento. Per rendere il tutto facile e comodo, puoi istallare l'aeratore nell'immagine che, con un solo tocco al pulsante centrale, apre e chiude l'acqua.
👉 Se invece hai un rubinetto con miscelatore puoi optare per un classico filtro rompigetto per il risparmio energetico.


Come risparmiare energia elettrica


A settembre ho comprato casa in Italia e ora la sto arredando "di tutto punto" con un occhio al risparmio. Al link, puoi vedere il frigorifero Hisense che ho comprato con i consumi annui molto bassi di corrente.

👉 In bagno e in corridoio ho comprato delle plafoniere a led (bassissimo consumo) con 3 intensità di luce diversa: è sufficiente cliccare l'interruttore per scegliere la tonalità preferita. Sono costruite in plastica ma una volta appese non si notano, anzi, sembrano di vetro poiché hanno un bell'effetto stellato.



Mentre in cucina/soggiorno e in camera da letto ho comprato solo delle lampadine led perché ho preferito mettere un lampadario e non la plafoniera.

👉 Per il soggiorno, non avendo un interruttore vicino, ho preferito comprare una luce led con telecomando per spegnerla e accenderla senza alzarmi ogni volta dal divano. In più è una lampadina che cambia colore e dimmerabile vale a dire che puoi modulare l'intensità della luce.


👉 termostato intelligente che collegato al Wi-Fi della casa, può gestire la temperatura, da remoto, attraverso l’app e/o la funzione lucchetto per bloccare del termostato anche con PIN in modo che nessuno possa modificarlo. Questo Termostato intelligente è molto utile per chi affitta casa: puoi bloccare o controllare a distanza i comandi evitando che gli ospiti alzino troppo "l'asticella dei gradi".

Lo sai quanto consumano i tuoi elettrodomestici?


Di media un Kwh, ad oggi, costa sui 0,25 centesimi. Per cui per sapere quanto paghi per mantenere il tuo elettrodomestico, devi moltiplicare 0,25 per il numero dei kwh scritti in etichetta.
Più l'elettrodomestico è grande, capiente e voluminoso, più i consumi, inevitabilmente, si alzano.




Per cui, negli anni, quando cambierai elettrodomestici, ricordati di guardare l'etichetta e non basarti solo sull'estetica.

Annotati i kwh consumati e calcola la differenza di prezzo con il tuo vecchio elettrodomestico, vedrai che il risparmio ti farà optare per cambiarlo senza rimpianti visto che l'investimento iniziale lo recupererai alla grande di anno in anno oltre il continuo risparmio sulla bolletta. Questo discorso vale per tutti gli elettrodomestici ma soprattutto quelli che usi di più: caldaia, forno, frigo, TV...




Per il momento concludo qui l'articolo ma mi riservo di scrivere ancora articoli sul risparmio energetico in casa e, per chi affitta casa ai turisti, approfondirò il modo migliore per automatizzarla. 😉


Articoli correlati:
Comprare una caldaia: cose da sapere.
feng shui Arredamento: accorgimenti per attirare ricchezza.

Aggiornato Novembre 2018
Moira R.

QUALE FRIGORIFERO COMPRARE? Cose da sapere

15:55 0 Comments
Devo comprare un frigorifero: cosa mi consigliate? Qual è la differenza tra mono, doppia porta o combinato? Sistema di raffreddamento del frigorifero meglio statico o ventilato o no-frost? Quale frigorifero comprare? Acquisto frigorifero on line. Quale frigorifero scegliere?

Se anche tu sei in procinto di comprare un frigorifero, come me, in questo articolo elenco tutto quello che ho imparato "studiando sul campo" e chiedendo ai più esperti: tutto quello che devi sapere prima di un acquisto consapevole lo trovi in questa pagina. Troverai anche alcuni modelli consigliati di frigoriferi a partire da 250€
devo comprare un frigorifero
quale frigorifero comprare?
Nella foto il mio ultimo acquisto recapitato giusto oggi.

QUALE FRIGORIFERO COMPRARE? 

COSE DA CONTROLLARE PER FARE UN BUON ACQUISTO:

Sia che tu cerchi un frigo online o in un negozio come Unieuro, Mediaworld, Trony, Ikea... è bene che ti annoti queste 4 caratteristiche, elencate qui di seguito, per confrontare i vari frigoriferi che vedi e scegliere il più performante a parità di prezzo:

  • Classe energetica: si misura in lettere A, B, C, D... Ad oggi, 2018, la classe più performante che garantisce consumi di energia ridotti rispetto alle classi precedenti, per egual misura e capienza, è la A+++
  • Capacità: si misura in litri e s'intende la capienza massima (lo spazio interno). Di solito per un single è sufficiente un frigo di 150 litri.
  • Livello di rumorosità: si misura in decibel "db" più il numero è basso, più l'elettrodomestico sarà silenzioso. A mio avviso un paramento particolarmente importante per un frigorifero soprattutto se hai una cucina abitabile e talvolta ti capita di ospitare qualcuno nel divano letto.
  • Sistema sbrinatura automatica: se non hai voglia di svuotare e sbrinare il frigo, almeno una volta l'anno, è meglio se lo acquisti NO FROST.

Tutte queste informazioni le trovi sull'adesivo apposto su ogni elettrodomestico in commercio.
Nell'immagine qui sotto puoi vedere quella del frigorifero che ho acquistato:


Dimensioni del frigo (in cm): lungo 59,5 x profondo 63,7 x 188,2 di altezza.

COMPRARE un FRIGORIFERO: 

meglio statico, ventilato o No frost


Il sistema di raffreddamento del frigorifero si divide in:
  • Statico: Bisogna sbrinarlo di tanto in tanto per fare in modo che la serpentina duri di più. In questo tipo di frigoriferi, l'aria fredda si deposita più facilmente nel fondo per cui gli alimenti, posti nei vari ripiani, si raffredderanno a temperature diverse. Il pro è sicuramente il prezzo più economico.
  • Ventilato: avendo la ventola, il freddo raggiunge in modo omogeneo tutti i comparti ma, anche in questo caso, lo sbrinamento manuale è da fare.
  • NoFrost: costo maggiore ma NON devi più sbrinare manualmente il frigorifero poiché lo fa in automatico l'elettrodomestico stesso, quando e se necessario.




Se, come me, compri molti surgelati (verdura, pizza, gelati...) e stai pensando: "devo comprare un frigorifero combinato con un congelatore abbastanza capiente" valuta un frigo che abbia uno spazio congelatore adeguato (almeno sugli 80 litri) e non il solito cassetto singolo.

Il frigorifero della Hisense in tripla classe A, di cui hai visto le specifiche nell'immagine sopra, l'ho pagato 499€ + 50€ di spese di spedizione: prendilo come punto di riferimento per il tuo prossimo acquisto. Se ti accontenti di un frigorifero in classe A++, che hanno comunque consumi ridotti, trovi prezzi più bassi.

Quale frigorifero comprare?

Frigoriferi combinati sui 400€

Esempio frigo in classe A++: Bosch KGN36NL30 300 l, 42 dB, 235 kWh, con spedizione gratuita su Amazon.
Considera anche il vantaggio della spedizione gratuita, di solito nei negozi chiedono minimo 50€ in su per portartelo a casa.

Frigoriferi extra large sui 1300€
Chiaramente dipende da quanto vuoi spendere: ci sono frigoriferi statici (da sbrinare quella volta l'anno) che costano anche 200€ e quelli più grandi, side by side e brandizzati che costano anche 1000 e più euro come questo ⇰ frigorifero della Smeg a quattro porte in acciaio inox anti-impronta.

frigorifero smeg


QUANTO CONSUMA UN FRIGORIFERO?


Tieni presente che un frigorifero sta attaccato alla corrente tutto il giorno, tutto l'anno (escluso il periodo delle ferie, per alcuni) per cui anche risparmiare quei tot. Kwh all'anno, sono soldi risparmiati... nel tempo.
Calcola che di media un Kwh si aggira sui 0,25 centesimi. Per cui per sapere quanto ti costerà il tuo frigorifero devi moltiplicare 0,25 per il numero dei kwh scritti in etichetta. Più il frigo è grande, capiente e voluminoso, più i consumi, inevitabilmente, si alzano.

Nel frigo della Hisense, preso in esempio si calcola come segue: 170kwh x 0,25 cent= 42,50€ l'anno di consumi medi.

MI RACCOMANDO:
  • Prendi le misure giuste: il frigo può essere incassato nel mobile cucina o a libera istallazione (messo dove vuoi). Prima di comprarlo, misura lo spazio in cui vorrai collocarlo in modo da non prenderne uno troppo grande, troppo profondo o troppo alto. 
  • Ricordo che per una corretta areazione dell'elettrodomestico dovrai lasciare 10 cm di spazio ai lati e sopra, 7.5 cm dietro e un'ampiezza sufficiente per aprire la porta del frigo di almeno 90 gradi sul davanti. Calcola anche che finestre e porte di casa non "si scontrino" sul frigo.



È meglio il frigorifero incassato o quello a libera installazione?


Se sei indecisa tra frigorifero ad incasso o separato (libera istallazione), io ti suggerisco la seconda ipotesi: costa meno e se si rompe l'elettrodomestico non devi per forza comprarne uno che ci stia nel mobile. La ricerca potrebbe essere snervante oltre che costosa.
Considera che, ai nostri giorni, i frigoriferi sono più belli, con ante di vari colori che si armonizzano perfettamente con l'arredo di casa. Qui puoi vedere alcuni frigoriferi colorati (rosso, nero, azzurro, color crema, argento...)

Ti segnalo altre caratteristiche che potresti trovare nei frigo più performanti e costosi, in modo da capire il significato:

- Multi Air Flow: garantisce la distribuzione uniforme dell'aria fredda nel frigo.
- Dual Cooling: pensata per generare due circolazioni di aria indipendenti, una per il frigorifero e l’altra per il congelatore.
- Cassetto 0°C: cassetto nel frigorifero completamente separato con temperatura a 0°, ideale per conservare carne o pesce per qualche giorno prima di consumarlo senza metterlo nel congelatore.
- Compressore Inverter: permette di avere alta efficienza energetica e regolazione pressoché perfetta in ogni condizione.
- Illuminazione LED: per apportare poco calore agli alimenti.


Meglio frigorifero combinato o doppia porta?


La scelta è abbastanza facile. Il tutto dipende dai tuoi bisogni di capienza, spazio disponibile in cucina, consumi e praticità.

Il monoporta sarebbe il classico frigorifero che apri e ti ritrovi lo scomparto freezer sopra, piccolo, e il frigo classico sotto con le misure di solito idonee per un single.
Ci sono modelli di design che rendono il frigo anche un pezzo di arredo.

Frigo sui 250€
Qui un esempio: Hisense Libera installazione A + , 157 L, 43 Db

quale frigo comprare?

Il doppia porta invece s'intende il frigo sotto e il congelatore sopra ma divisi in due compartimenti diversi.
Di solito il frigo mono e doppia porta sono la scelta di chi lo usa in una taverna, in una casa vacanza o vive solo e non ha grandi esigenze di ammassare scorte di cibo.

Mentre il frigo combinato è, solitamente, la scelta di chi cerca un frigorifero per la famiglia o per la casa principale. Diviso in due comparti separati con una capienza dai 300 litri in su. Più comodo poiché il frigo sta sopra e il reparto congelatore sta sotto, presumendo che il frigo lo usi di più del congelatore.

Frigo sui 350€

Questo rappresentato nell'immagine sotto, è in vendita su Amazon con un buon rapporto prezzo-qualità. Il marchio è di una casa tedesca non molto nota in Italia ma che propone elettrodomestici di qualità. Questo frigo è indicato per un single o una coppia.
frigorifero combinato

Bene, dovrei averti dato le giuste dritte per comprare un frigorifero efficiente che ti duri negli anni. Meglio andare in negozio con una base di conoscenza altrimenti il rischio è che il "commesso del mese" ti rifili qualche giacenza di magazzino. 😉
Se vuoi aggiungere la tua opinione, lascia pure un commento nello spazio dedicato a fondo pagina, altrimenti, una condivisione dell'articolo è sempre apprezzata. Grazie!

Articoli correlati:

Aggiornato Ottobre 2017
Moira R.

COME FUNZIONA HOMEAWAY PER I PROPRIETARI

18:25 0 Comments
Negli anni ho scritto diversi articoli su come funziona Homeaway per i proprietari di locazioni turistiche, case vacanze, per gli host... per cui se non li ha mai letti, ti suggerisco di partire dall'inizio.

In questo articolo...
1. HOMEAWAY: COMMISSIONI, OPINIONI, ESPERIENZA PERSONALE

rispondo a queste domande:

- C’è visibilità su HomeAway?
- HomeAway è affidabile?
- Quanto costa inserire un alloggio su Homeaway?Che percentuale vogliono?
- Homeaway flexi  o abbonamento?
- Come funzionano i pagamenti?

In questo post:
2. Famiglia HOMEAWAY quali siti include?

troverai, a metà pagina, una lista di siti a visibilità estera in cui apparirà il tuo annuncio se lo metti su uno dei tanti siti partner oltre le mie esperienze.



Sommario:

  1. INSERIRE UN ANNUNCIO su Homeaway: meglio in italiano o in inglese?
  2. Cosa ti serve per inserire la tua casa su Homeaway?
  3. Visibilità su Homeaway
  4. Guida passo-passo per mettere un annuncio su Homeaway
  5. Hai già un annuncio Homeaway: cosa fare dopo l'iscrizione
  6. Annuncio homeaway come impostarlo al meglio.


INSERIRE UN ANNUNCIO su Homeaway: meglio in italiano o in inglese?



Come ho già suggerito ai membri del gruppo su Facebook, se ancora non hai un annuncio Homeaway, o ce l'hai nella versione italiana ma non ti porta prenotazioni, è meglio crearlo nella versione internazionale (in inglese).

Perché creare un annuncio Homeaway nella piattaforma inglese e non italiana?

Nella versione italiana, tutte le scritte nell'impaginazione e nei dettagli sono in italiano e vengono tradotti sommariamente se chi consulta il tuo annunci è una persona di un altro stato. L'annuncio non viene ben tradotto e alcune "specifiche e dettagli" risultano mancanti se non addirittura lasciati in lingua italiana per questo è meglio favorire la versione homeaway con l'impaginazione inglese perché è internazionale e sarà capibile sia da un norvegese, un russo o un polacco.

⇰ Rigorosamente l'annuncio su homeaway UK lo devi scrivere in inglese.

 Se hai bisogno di una guida per inserire il tuo annuncio su Homeaway, nella versione inglese, segui il prossimo capitolo:

COME INSERIRE UN ANNUNCIO su Homeaway


Cosa ti serve per inserire la tua casa vacanza su Homeaway family per la prima volta?

  1. PC 
  2. 1 oretta libera per finire tutto il processo d'iscrizione e i dettagli dell'annunci, foto ecc... (puoi anche iniziarlo e concluderlo in un secondo momento).
  3. Copia di un documento d'identità (se non hai uno scanner, puoi fotografare il documento  o scaricare un APP specifica sullo smartphone).
  4. Qualche foto dell'immobile da inserire.
  5. Una bolletta dell'immobile (a volte lo chiedono a scelta tra bolletta del consumo di acqua, assicurazione casa, corrente, riscaldamento, telefono...). L'importante che sia evidenziato il nome del proprietario e l'indirizzo della casa che andrai ad inserire nel sito.
Lo so che sembra una procedura complicata ma, se prepari il materiale in anticipo, non ti ci vorrà molto tempo per fare tutto.

Il sito Homeaway è affidabile?

Sì. Questi documenti servono a Homeaway come garanzia per tutelarsi contro i truffatori che affittano una casa che non gli appartiene. I truffatori possono facilmente copiare le tue foto, nome e testo annuncio ma non forniranno mai i documenti necessari per attivare l'annuncio per cui... le case che vedi su questo sito esistono e sono verificate.

Visibilità su Homeaway .com

Se mastichi l'inglese, ti consiglio di inserire casa su homeaway versione internazionale/inglese piuttosto che sul sito italiano. Fidati è più performante del fratello italiano, se sei interessato ad una clientela internazionale. È già settato in inglese, grafica, layout e non ha delle parti in italiano che vengono tradotte approssimativamente.



Prima di tutto capiamo se inserire un annuncio su homeaway, versione inglese, fa al caso tuo.

FALLO SE:


- Oltre alla clientela nazionale punti di più su quella internazionale.
- Affitti casa in una zona conosciuta all'estero.
- Una particolare nazionalità viaggia spesso nella zona in cui hai casa (per esempio tedeschi sul lago di Garda, inglesi in Toscana, francesi in Sicilia...).
- Cerchi di spingere di più sugli affitti settimanali e mensili.
- Vuoi apparire nel circuito di Expedia e altri siti della grande distribuzione.
    Vediamo nello specifico che paesi copre Homeaway. 

    Come si può vedere nell'immagine sotto, l'annuncio che ho attivato sul canale inglese è Live "attivo" e sotto puoi vedere la lista dei siti partner in cui è pubblicato in vetrina: ci sono molti paesi Europei ma anche internazionali come Brasile, Canada, Messico.

    COME FUNZIONA HOMEAWAY PER I PROPRIETARI
    COME FUNZIONA HOMEAWAY


    La lista è lunga e comprende anche siti americani come:
    • www.vacationrentals.com, 
    • www.vrbo.com (Clientela Statunitense). 
    Approfondisci: come affittare casa ai turisti Americani.
      La visibilità della versione inglese di homeaway, è utile per chi ha casa in città molto turistiche come Roma, Firenze, Venezia... in cui non mancano anche i turisti americani ma pure le zone di nicchia possono avere un vantaggio.

      Chi affitta casa in Italia interessa molto di più il bacino d'utenza che arriva dal Mediterraneo (Francesi, Svizzeri, Spagnoli...) ma anche Tedeschi, Austriaci, i paesi nordici, Inglesi... Questi canali homeaway li copre tutti.

      Qui di seguito la guida per inserire casa su homeaway versione inglese. La procedura è identica nella versione italiana.


      4. GUIDA ANNUNCIO HOMEAWAY: INIZIAMO!


      - Cliccando il link di iscrizione di homeaway, ti troverai in una pagina come quella che vedi nell'immagine qui sotto con le scritte in inglese.
      - Se invece preferisci la versione italiana... iscriviti a homeaway Italia.





      dettagli annuncio
      Start with the basics - Each detail you provide improves the accuracy of your estimate. 

      Ti sarà chiesto di inserire il numero dei letti disponibili e del bagno.
      Vai tranquillo, questi dati li puoi sempre cambiare nell'apposita pagina dedicata alla gestione dell'alloggio una volta finalizzata la procedura d'iscrizione.

      A volte la pagina di iscrizione cambia impostazione ma, anche se leggermente diversa, le cose da fare sono sempre le stesse.

      Fatto questo clicca il tasto NEXT

      Verrai indirizzato a delle sotto-pagine per creare il tuo annuncio. Come vedi la procedura è molto intuitiva e si articola su 4 step:

      2. Where is your property located?
      Enter your exact address for a better estimate. Inserisci l'indirizzo di casa. Inserire l'indirizzo esatto della struttura in modo che appaia il punto blu sulla mappa. Questa mappa è visibile a chiunque sfogli il tuo annuncio su Homeaway ma l'indirizzo completo verrà mostrato solo a chi affitta il tuo immobile.

      dettagli casa vacanze


      3. Unlock your earning potential. Just one more step!
      Inserisci i dati email, nome, cognome, numero di telefono, nuova password del tuo profilo che stai creando e infine clicca su CREATE ACCOUNT. 



      creare account

      1. Il NUMERO DI TELEFONO (clicca su country code per cambiare prefisso telefonico se vuoi inserire un numero italiano.)
      A volte per inserire il prefisso italiano devi cliccare sulla "bandiera" e inserire il tricolore altre volte apparirà una semplice lista con il nome degli stati. 

      L'ultimo passaggio è inserire/confermare le tue generalità.

      Già iscritto a Homeaway Italia (hai già un account)? 


      Puoi direttamente accedere cliccando la scritta blu SIGN IN oppure LOG IN. "Already have an account? Log in". 

      In caso volessi differenziare le email, dividere i tuoi profili, o creare un altro account, puoi procedere cliccando Create Account

      TIP: se come me hai 2 annunci (in italiano e in inglese), ti consiglio di differenziarli, facendo foto da angolazioni diverse o comunque mettendo una foto di copertina differente. Per esempio in un annuncio puoi impostare la lunghezza del soggiorno a minimo 7 notti con prezzi più bassi e nell'altro minimo una o 3 notti a prezzi più alti. Oppure uguali sulla lunghezza del soggiorno ma in uno puoi togliere le spese di pulizia e nell'altro tenerle, in uno puoi togliere la cauzione e nell'altro no...  in modo da avere 2 annunci impostati come A/B test per capire quale funziona meglio.

      ATTENZIONE!

      I dati devono essere quelli della persona a cui sono intestate le bollette dell'immobile.

      Ti sarà richiesto di inviare una bolletta in cui sia riportato il nome di chi le paga (si presume il proprietario) e anche l'indirizzo dell'immobile che deve corrispondere con quello inserito + un documento d'identità.
      Se sei un intermediario (agente o privato che affitta casa di un parente), lo potrai specificare dopo, quando ti sarà richiesto.

      Quando ho inserito il mio annuncio, sotto al campo dedicato al numero di telefono c'era una scritta:

      Check the box if you do not want to receive emails from homeaway.co.uk with commercial offers and other information.

      Spunta la casella SOLO se NON vuoi ricevere email pubblicitarie e offerte da homeaway.

      Fatto! Ora devi solo creare dettagliatamente il tuo annuncio compilando tutti i campi richiesti e aspettare che un incaricato ti attivi l'annuncio.
      Vai nella pagina "calendario" e chiudi i periodi che NON vuoi affittare. Se ancora sei indeciso puoi chiudere tutti i mesi a venire e pensarci con calma.

      DA SAPERE: Riceverai delle comunicazioni alla email fornita durante l'iscrizione. Leggile tutte in modo da capire se i documenti forniti vanno bene o devi fare altro prima che ti attivino l'annuncio.

      Solitamente il processo è più veloce per chi ha già un annuncio su uno dei tanti siti partner di Homeaway.


      Sommario documenti


      Che documenti servono per iscriversi a Homeaway?

      Questi sono i documenti richiesti:
      1. Copy of ID (passport, national ID). 
      2. Utility bill relating to residential address. 
      3. Utility bill relating to rental property address. 
      4. Sample of rental contract relating to rental property address
      Per esperienza personale ti dico che è sufficiente allegare via email una bolletta con indicato l'indirizzo dell'immobile pubblicato a nome della persona che le paga e il documento di identità che confermi l'identità della persona a cui è intestata la bolletta in questione.
      1. Copia o foto di un documento
      2. Copia o foto di una bolletta

      Devo sapere l'inglese per inserire casa su Homeaway ?

      Se preferisci la variante inglese sì. Non è necessario essere madrelingua per poter iscriversi e gestire le prenotazioni. Un livello B1 è più che sufficiente.
      Una conoscenza base dell'inglese è sufficiente. Con l'aiuto di questo articolo/guida potrai inserire la tua casa con facilità.



      DA SAPERE: Indipendentemente dalla  versione scelta, dovrai comunicare con i tuoi ospiti, via email, se ti pongono delle domande riguardo l'immobile che vorrebbero affittare. Considera che molti mi scrivono in Danese, in Tedesco... e io non capisco 'na mazza. Buio totale!
      Mi aiuto con Google Traduttore. Scrivo frasi corte e semplici da tradurre, specifico che io non so la loro lingua ma che sono i benvenuti a casa mia.
      Ho ospitato persone di varie nazioni: Polonia, Danimarca, Austria, Francia, Russia, Norvegia, Olanda... senza particolari problemi di comunicazione pur non conoscendo tutte queste lingue.


      APP utili


      Strumenti utili per inserire casa su Homeaway
      1. Applicazione per scannerizzare documenti su smartphone (utile per velocizzare l'invio di documenti richiesti, allegabili via email).
      2. Google Traduttore: A mio parere una conoscenza base dell'inglese è più che sufficiente per inserire casa sulla versione inglese di homeaway, tuttavia se incontri qualche termine sconosciuto questo servizio di Google ti aiuterà a dissipare i dubbi.
      3. App Homeaway per visualizzare messaggi e prenotazioni anche dallo smartphone. L'applicazione è in lingua italiana per cui, una volta inserita casa, potrai avvalerti della versione in italiano anche per il tuo annuncio in inglese.


      5. Siti case vacanze più visitati in Europa

      Cosa fare dopo l'iscrizione


      Una volta iscritto, ti apparirà la tua pagina personale in cui potrai modificare, nel dettaglio, il tuo annuncio.

      Foto 1
      Ci sono 2 colonne:

      La prima compare sulla sinistra della pagina e comprende queste voci:

      Dashboard: pagina principale.
      Inbox: per vedere le richieste e i messaggi ricevuti.
      Calendar: per chiudere i periodi già affittati. Con la sottocartella:
      • Reservations
      • Rates

      Marketers maker
      Reservation manager ha anch'essa una sottocartella
      • Reservation list: prenotazioni attive ricevute negli anni.
      • Payments: per impostare i pagamenti.
      • Payout summary: per vedere i pagamenti ricevuti e scaricare una copia a fine anno da tenere per la dichiarazione dei redditi dell'anno successivo.
      Ranking metrics: una pagina utile per vedere quante volte il tuo annuncio viene visto, quante richieste e prenotazioni hai ricevuto ogni mese.
      Property che ha una sotto cartella da cliccare per modificare i dettagli l'annuncio e le tariffe.
      • Edit property
      • Rules and policies
      • Hospitalities: opzione alquanto inutile, a mio modesto parere.
      • Reviews: (le recensioni ricevute). C'è anche un bottone per richiedere le recensioni ai tuoi ospiti... ospiti che hanno soggiornato da te negli ultimi 12 mesi.

      IMPOSTARE MY ACCOUNT HOMEAWAY


      Se vuoi cambiare i dettagli del profilo, cambiare il canale per ricevere il pagamento, se vuoi passare da un annuncio gratuito (pay-per-booking) all'abbonamento.... devi cliccare la voce "my account" che vedi in alto a destra.


      Account setting: per impostare le preferenze di pagamento, nuova password, domande di sicurezza, autenticazione in due passaggi.

      Property details: qui puoi sospendere/attivare il tuo annuncio e passare da un annuncio gratuito ad uno a pagamento.


      Annuncio homeaway come impostarlo al meglio


      La seconda lista la vedrai in orizzontale cliccando la voce: PropertyEdit Property (simbolo della casa in basso a sinistra). Se non la vedi, guarda la "foto 1" sopra.



      Come puoi vedere quest'altra lista comprende:
      1. Facilities: inserite i dettagli del vostro alloggio: wifi, lavatrice, terrazzo...
      2. Safety features: chiede di evidenziare se avete estintore, kit pronto soccorso (cose che, ricordo, sono obbligatorie), aggiungere i numeri di emergenza... Approfondisci: Oggetti obbligatori da avere in una locazione turistica.
      3. Location: posizione sulla mappa.
      4. Description: se avete già un altro annuncio, fate un bel copia incolla e vi facilitate la vita. In questa pagina potete aggiungere anche la foto del profilo del gestore e scrivere una breve biografia. In inglese mi raccomando.
      5. Contacts: scrivere il nome pubblico (quello che apparirà nell'annuncio). Se siete l'agente immobiliare/gestore del sito mettete il vostro nominativo non quello del proprietario. Attivate in questa pagina gli SMS Alert e decidete se pubblicare il numero di telefono o meno. Spuntate la voce delle lingue che parlate e capite.
      6. Photos: almeno 19 immagini per avere un buon punteggio nella pagina dedicata alla qualità dell'annuncio.
      7. Video (facoltativo)
      8. Rooms & details: specifiche per alcune cose possedute in casa o servizi offerti. Per esempio alla voce "Parking", anche se non ne avete uno privato da offrire, potete spuntare la voce e scrivere che c'è un ampio parcheggio gratuito per gli ospiti di fronte all'immobile (questo se puoi garantire sempre che ci sia ampio spazio per parcheggiare).
      9. Rates: In questa pagina, oltre a scegliete le Tariffe per ogni periodo puoi impostare tante voci utili come il numero di notti minime, se nel giorno selezionato è consentito fare check-in, i termini del pagamento (pagamento immediato completo o diviso in due rate) e testare le tariffe inserite per vedere quanto paga il cliente di affitto e di tasse (simbolo a forma di calcolatrice).
      TIP: per agevolare le prenotazioni anticipate imposta "2 pagamenti". 

      Bases rates and discount ⇨ Fees - per impostare gli extra come le spese per la pulizia finale, un extra per ospite aggiunto e anche per accogliere un animale.
      Security Deposit - Aggiungere la cauzione.
      Notes - Puoi aggiungere le cose IMPORTANTI che un ospite deve accettare/sapere prima di prenotare. Per esempio: casa al secondo piano senza ascensore, Wifi a pagamento ecc...
      Payment Terms - Impostare il pagamento se si preferisce un pagamento unico o un anticipo alla prenotazione e il saldo al check-in o prima.

      Queste voci sono da controllare una per una perché riguardano i dettagli dell'immobile e più sono precisi e più avrai possibilità di ricevere prenotazioni.

      Bene, ora devi solo aspettare che ti mettano online l'annuncio. Se hai già un account attivo in uno dei siti della Famiglia Homeaway, è probabile che ciò avvenga in pochi minuti.

      NOTA SUI PAGAMENTI DELL'AFFITTO: Il pagamento sarà sbloccato entro 24 ore dal check-in degli ospiti (il giorno dell'arrivo) o 30 giorni dopo la data di pagamento del cliente (in caso avesse fatto una prenotazione last minute). La somma arriverà nel tuo conto bancario entro 3-7 giorni lavorativi.

      Per mia esperienza, il primo pagamento può arrivare anche 1 mese dopo il check-in del cliente. Non c'è da preoccuparsi, successivamente il pagamento sarà più veloce.

      Per oggi è tutto. Ne hai di cose da fare e controllare per ottimizzare l'efficacia del tuo annuncio o per attivarne uno nuovo. 

      Come sempre, se ritieni che l’articolo ti sia stato utile o possa esserlo a qualcuno che conosci... fammelo sapere condividendolo sul tuo social preferito.
      Grazie 😘

      BOOKING SENZA PARTITA IVA: è possibile?

      23:29 2 Comments
      • Usare Booking senza avere la partita Iva è possibile? Sì, in questo articolo ti spiego come usarlo a tuo vantaggio e nel migliore dei modi per non avere cancellazioni o problemi di alcun tipo.
      Che Booking sia uno dei portali più usati per prenotare una stanza, una camera di hotel o una casa vacanza è noto a tutti. Quello che molti non sanno è che, attualmente, è possibile prenotare anche un appartamento di un privato anche se l'host in questione NON ha partita Iva.

      Booking è uno splendido strumento ma per usarlo a TUO VANTAGGIO è necessario impostare le voci giuste. Se lo farai, seguendo anche questa guida di Moiretta tua, avrai tra le mani un Ferrarino che non ti lascerà a piedi. 😉


      Se finora ti eri limitato ad usare siti come Airbnb o Homeaway, oggi puoi avere la possibilità di registrarti su Booking e testare l'efficacia di questo sito che, ricordo, ha visibilità mondiale.

      Per la registrazione promozionale ti puoi iscrivere con questo link d'invito: zero commissioni su Booking (valido per le prime 5 ricevute).

      QUALE ASCIUGATRICE MI CONSIGLIATE?

      23:58 0 Comments

      Quale asciugatrice comprare? Consigli su quale asciugatrice comprare. Migliore asciugatrice per non stirare

      Migliori asciugatrici per non stirare


      Gli host che affittano il loro immobile ai turisti per brevi periodi, anche solo per 1 giorno, si ritrovano con una mole di lavoro estremo tra pulire, lavare la biancheria e altre incombenze del genere.
      Proprio per questo sul gruppo Facebook si è trattato l'argomento "quale asciugatrice?" e della loro utilità sul comprarle o meno.

      asciugatrice consigli per gli acquisti
      quale asciugatrice mi consigliate?

      Asciugatrici con ottime recensioni:

      Qui di seguito 4 asciugatrici da prendere in considerazione.
      Clicca le immagini o i link dei prodotti per vedere le numerevoli recensioni positive.

      Asciugatrice consigli sui Top di gamma capienti

      Asciugatrice Smeg: Caricamento frontale 8kg A+++ 
      Attualmente è l'unica asciugatrice, a circa €600, che ti permette di avere un prodotto a basso consumo energetico (tripla A) con 8 kg di carico. 

      Asciugatrice Siemens: Carica frontale 9kg A+++ 



      Asciugatrici economiche dai 390 ai 490€ 
      Ottimo rapporto qualità prezzo

      Asciugatrice Candy: Candy Asciugatrice , 9 kg, Pompa di calore
      Easy Case: Il modo smart di svuotare l'asciugatrice e riutilizzare l'acqua

      Asciugatrice Beko: Carica frontale 7kg A++


      Asciugatrice cosa sapere: asciugatrice in cantina? Sì è possibile. Se non hai uno scarico dell'acqua nella stanza dove vuoi metterla, non importa poichè l'acqua viene scaricata in un'apposita cassetta da svuotare a fine ciclo o, nel modello Candy qui sopra, la cassetta di scarico dell'acqua (il raccogli acqua) si trova attaccata all'oblo.

      Non hai spazio in casa per l'asciugatrice?

      Nemmeno lo spazio in altezza? In caso affermativo guarda questo prodotto che permette di sovrapporre l'asciugatrice alla lavatrice con carica frontale.

      Base colonna torre per lavatrice e asciugatrice con mensola estraibile




      ASCIUGATRICE OPINIONI 

      Massimo, host che gestisce una casa vacanze a Busto Arsizio, usando da tempo asciugatrice e pressa da stiro, ci ha raccontato le sue esperienze che condivido in caso foste in cerca di opinioni e consigli per l'acquisto di una asciugatrice.


      QUALE ASCIUGATRICE mi CONSIGLIATE?



      Ciao, io posso darvi informazioni sulla Beko che uso da tempo.
      L'ho acquistata a settembre 2017 e da allora lo stendino è praticamente sparito.

      Importante, per chi come me la usa giornalmente e quindi ne fa un uso massiccio, che sia della tipologia con pompa di calore e classe A+++, in modo da avere un notevole risparmio sulla bolletta!

      Come anticipato da Moira, io l'ho acquistata per la casa vacanze perché con soggiorni di una notte sarebbe impensabile asciugare in casa i sacchi copri-piumini e gli asciugamani tutti i giorni, soprattutto in inverno.

      Io ho messo l'asciugatrice in cantina e ci stanno comodamente:

      2 asciugamani misure 100x150,
      2 asciugamani viso,
      2 asciugamani bidet,
      il tappetino scendidoccia,
      una tovaglia,
      1 asciugamano cucina,
      1 lenzuolo matrimoniale (sotto),
      1 sacco matrimoniale con 4 federe.

      Imposto l'asciugatrice con il programma "pronto stiro" e, in genere, in meno di 2 ore le lenzuola sono pronte.
      Fatto questo, faccio ripartire l'asciugatrice con solo gli asciugamani sul programma "extra asciutto" e, nel mentre che finisco di stirare le lenzuola, gli asciugamani sono pronti (a fianco dell'asciugatrice ho messo un tavolino con la pressa da stiro per velocizzare il lavoro).

      Con l'asciugatrice a pompa di calore/condensazione non vengono raggiunte alte temperature e per cui non rischi di rovinare nulla: i maglioni di lana tornano nuovi.
      Personalmente la uso anche in estate. Perché?

      Con il sistema "pronto stiro" le lenzuola restano leggermente umide così le stiro in un lampo e sono più morbide!
      È un elettrodomestico di cui non potrei più fare a meno.

      Il modello che ho comprato è il un'asciugatrice Beko : Libera installazione Carica frontale 7kg A++, abbastanza silenziosa.
      Come puoi vedere qui sotto, il consumo annuo di corrente è di 212 kwh. Considerando una media di 0,25 cent per chilowattore sono (212x0,25=) 53€ all'anno di costo corrente.


      Anche con la lavatrice mi sono affidato a Beko: 7 kg sempre classe A+++ con motore pro smart inverter. Va benissimo, l'unica nota negativa è che per motivi di profondità non mi è stato possibile metterne una di grandi capacità e d'inverno, con i sacchi copri-piumino, devo fare 2 lavaggi a ogni cambio ospite.
      Conosco la Beko da 7 anni, in Italia é conosciuta come entry level, ma fa anche prodotti di fascia più alta, utilizza buoni materiali.

      Bene, spero che raccontandoti della mia esperienza ti sia fatta un'idea più chiara se questo elettrodomestico faccia al caso tuo o meno.
      Io benedico il giorno in cui l'ho comprata!



      Ringrazio Massimo per la sua testimonianza sia per l'asciugatrice che la pressa da stiro a vapore: altro elettrodomestico che usa per facilitarsi la vita. Anch'io ho esperienze positive con un elettrodomestico Beko: la lavatrice. Prossimamente ne parlerò per chi sta valutando di comprarne una nuova.

      Se vi capita di passare da Busto Arsizio, trovate le sue lenzuola profumate e morbide da testare. 😉
      Aggiornato Ottobre 2017
      Moira R.

      QUALE PRESSA DA STIRO MI CONSIGLIATE?

      23:20 0 Comments

      Quale pressa da stiro comprare? Consigli su quale pressa per stirare i piumini comprare. Migliore pressa da stiro per stirare velocemente.


       pressa da stiro opinioni
      quale pressa da stiro mi consigliate?

      QUALE PRESSA DA STIRO MI CONSIGLIATE?


      Pressa da stiro consigli sui Top di gamma capienti

      Pressa da Stiro a Vapore : La pressa a vapore più avanzata d'Europa .Stiratura zona: 90cm x 31cm - 1,900watt. Risultati professionali. 

      Pressa da stiro Speedypress con Telescopico Regolabile in Altezza: utile per stirare in metà tempo. 64cm x 27cm - 1,400watt




      Se anche tu affitti uno o più immobili/stanze ai turisti per brevi periodi, ti sarai ritrovata con una mole di lavoro decuplicata tra lenzuola e salviette da stirare.
      Sul gruppo Facebook ci siamo confrontati sull'efficacia o meno della pressa da stiro per velocizzare il lavoro e anche per evitare mal di schiena. I risultati del confronto li trovi in questo articolo

        Pressa da stiro professionale o per uso casalingo?


        Premetto che ci sono varie misure e versionicon o senza supporto, piastra più larga o più stretta, più potente o meno. Più l'uso è intenso e se il lavoro principale è quello di stirare le lenzuola, meglio prediligere il modello top di gamma che è professionale.

        Quale pressa da stiro scegliere?


        Le presse da stiro non si trovano solo nei negozi fisici come mediaworld ma anche su Amazon.
        I prezzi cambiano a seconda della capienza della zona stiro e della potenza: più le dimensioni sono ridotte e i watt minori, più costerà meno. Dipende da te che necessita hai: stirate con la pressa i piumini, le coperte o solo camicie, pantaloni, maglie... nel primo caso scegli la pressa n.2 o 3 ancora più larga.

        1 - Versione Economica: 7 volte la dimensione di un ferro da stiro. Misure: 55cm x 22cm - 1,350watt - Peso: 9kg - costo sui 170€

        2 - Top di gamma: 90cm x 31cm - 1,904watt - Peso: 16kg. 24 volte più grande degli altri ferri da stiro. Riduce i tempi di stiratura del 60%. Specifico per stirare lenzuola e oggetti grandi. Stira anche multistrato. Protegge i tessuti delicati come la seta. Circa 320€ solo pressa o 380€ con l'utile supporto come vedi nella foto a inizio articolo.

        3 - Pressa da stiro professionaleAdatto per alberghi, hotel, case di riposo e grosse abitazioni. Dimensione della pressa 100cm x 30cm - 2,300watt. Carichi pesanti di stiratura. Adatto per uso commerciale. 



        Pressa da stiro opinioni


        Lascio la penna a Massimo, host che gestisce una casa vacanze a Busto Arsizio, usando da tempo asciugatrice e pressa da stiro ha condiviso con noi le sue esperienze.
        La pressa da stiro che usa è la Speedypress ultra XL. La trovate anche su Amazon al link inserito sopra.

        Ciao a tutti, io uso da tempo la pressa da stiro. L'ho pagata poco più di 300€

        I pro:
        1. Si stira da seduti quindi addio mal di schiena.
        2. Stirando in multistrato (capi piegati) riduci i tempi del 40% per cui non appesantisci troppo la bolletta (pochi euro al mese) soprattutto se la abbini all'asciugatrice utilizzando il programma "pronto stiro" che rende la stiratura ancora più veloce. 
        3. Stiratura professionale. Risultati ottimali. 

        I contro?

        Per ovvie ragioni la pressa deve essere pesante e solida, perché altrimenti, pressando le lenzuola piegate in 4 si romperebbe subito.

        Non è adatta per gli abiti "lavorati": tieni presente che io la uso per tutto ciò che serve al lavoro di host (affitti brevi) per cui salviette e lenzuola in primis.
        La uso anche per asciugare felpe, jeans, camicie, t-shirt, trapunta, il salva-materasso impermeabile, i cuscini delle sedie, le scapre da tennis...


        👉 Mi raccomando, quando si usa il vapore, mettere l'acqua distillata: ne consuma pochissima.

        Piastra per stirare lenzuola


        Pensavi di acquistarla per stirare le lenzuola, per velocizzare o alleggerire il carico di lavoro? Ti stai chiedendo se ne vale la pena?

        Le lenzuola le pieghi in 4 e le passi prima da un lato e poi dall'altro. È utilissima se usi i sacchi per i piumini.

        L'utilità dipende dalla tua mole di lavoro. Io ho una Casa Vacanze con 3 posti letto dove soggiornano quasi sempre in 2 persone ma sono tutti soggiorni di una sola notte, per cui nel mio caso è assolutamente indispensabile.

        Per velocizzare il lavoro è sicuramente utile.
        Mi sono cronometrato per darti un'idea dei tempi di lavoro per le lenzuola di cotone molto spesse (quelle che le puoi lavare per una vita a 90° senza che si rovinino) e vuoi ottenere un risultato perfetto senza nemmeno una minima grinza. Per ottenere il medesimo risultato, con il ferro, anche del tipo a caldaia con vapore ad alta pressione, dovresti usare tutte le tue forze e tutto il peso che riesci ad imprimere.

        Pressa per stirare tempo impiegato


        - Lenzuolo sotto con angoli: 10/12 minuti
        - Lenzuolo sopra: 13/15 minuti
        - Sacco piumino matrimoniale: 15/17 minuti.

        👉 Le classiche lenzuola che si utilizzano per la casa si stirano in meno di 5 minuti.
        Se usi le lenzuola stira-facile impieghi ancora meno tempo.

        Un altro fattore positivo e che puoi stirare da seduta, cosa non da poco. Calcola che, come in tutte le cose, bisogna fare un po' di pratica.
        La qualità dello stiro, a mio parere, è da hotel 4 stelle.

        Pressa da stiro consigli


        DA SAPERE: quando il telo argentato si rovina è necessario sostituirlo con l'originale (si compra alla casa madre, spesso si trova anche in internet).
        MAI usare un copriasse/telo non idoneo per la pressa da stiro. Se non è l'originale argentato, tende a bruciarsi e poi le lenzuola escono con aloni giallastri tipo macchie di urina che non vanno più via (ho mandato a quel paese un sacco di ospiti prima di capire che era colpa del panno bruciacchiato.)

        Naturalmente non bisogna stirare le parti in plastica (bottoni di alcune federe) perché si scioglierebbero, né passare la pressa sulle parti di metallo perché andrebbero a rovinare lo strato anti-aderente della macchina.

        Mentre uso la pressa non ho mai acceso lavatrice o lavastoviglie per evitare sovraccarichi di corrente. Al contrario, con l'asciugatrice (almeno, quella che ho io della Beko) mentre funziona, puoi usare qualsiasi elettrodomestico in contemporanea.

        Bene, spero che raccontandoti della mia esperienza ti sia fatta un'idea più chiara se questo elettrodomestico faccia al caso tuo o meno.


        Ringrazio ancora una volta Massimo per la sua testimonianza sulla pressa da stiro. Se vi capita di passare da Busto Arsizio, potete valutare di persona il suo lavoro con la pressa sulla biancheria che fornisce nella sua casa in affitto "sweetheart apartment". 😉
        Nel mentre ci farebbe piacere una condivisione dell'articolo, clicca pure uno dei tasti social che vedi qui sotto... Grazie mille!
        Aggiornato Ottobre 2018
        Moira R.
        Yandex.Metrica