Cerca nel blog

RICEVUTA PAGAMENTO AFFITTO TURISTICO fac simile

16:56 2 Comments

Fac simile ricevuta affitto occasionale per locazione turistica come compilarla, quando mettere la marca da bollo e cose da sapere.

Stai affittando il tuo appartamento e vuoi sapere se devi fare una ricevuta da consegnare all'arrivo dei tuoi ospiti? Bene, in questo articolo ti spiegherò dove comprare tutto l'occorrente e come compilare una ricevuta nel modo giusto.

ricevuta pagamento affitto turistico
Ricevuta pagamento affitto turistico


RICEVUTA PAGAMENTO AFFITTO TURISTICO


Sono obbligato a fare una ricevuta ad ogni ospite/turista/locatario?


Se sei una semplice Locazione Turistica (LT), senza partita Iva NON sei obbligato a rilasciare una ricevuta MA se il tuo ospite te la cerca gliela devi fornire per cui è bene comprare un blocchetto delle ricevute e usarlo al bisogno.
(Fonte: articolo 22 comma 6 del DPR n. 633/72)

Ricordati che se non hai partita Iva, non puoi emettere Fattura (molti ospiti chiedono "Fattura" ma sbagliano termine) per il rimborso spese è sufficiente anche una ricevuta fiscale.

Il blocco delle ricevute lo trovi in qualsiasi negozio di valori bollati e anche su Amazon ne puoi trovare diversi👉 blocco per le ricevute
(consiglio: comprane diversi per risparmiare e se prevedi di usarli spesso.)


C'è da dire che, per comodità, molti host rilasciano sempre le ricevute (in duplice copia) per ogni ospite che soggiorna nel loro immobile in modo da avere queste ricevute, numerate e ben ordinate, in una cartella da portare, l'anno successivo, in sede di dichiarazione dei redditi (commercialista, Caf, auto-compilata...)

In caso contrario, se si usano intermediari come Airbnb, è sufficiente scaricare il riepilogo annuale delle rendite guadagnate a cui si sommeranno le eventuali ricevute fatte per locazioni dirette, vale a dire effettuate senza l'aiuto di nessun sito di casa vacanza/intermediario.
Nel caso in cui l'ospite arrivato da Airbnb voglia comunque una ricevuta, ricordati di non sommarla al riepilogo annuale delle entrate che scaricherai a fine anno poiché già inclusa.

Ma andiamo per ordine...

Ricevuta di affitto turistico compenso lordo o netto?


Sulla ricevuta devi scrivere la cifra al lordo delle tasse e delle percentuali di intermediazione.
Vale a dire l'importo comprensivo della percentuale di Airbnb, Homeaway, Booking ecc... (sì anche se è del 15% l'intermediazione.)

Marca da bollo quando è obbligatoria?


È obbligatorio apporre la marca da bollo su ogni ricevuta che superi la cifra di  77,47 €
RICORDA: 👉 Il locatore (chi dà in affitto l'immobile) ha l’obbligo di apporre la marca sulla ricevuta e il locatario (l’ospite) ha l’obbligo di pagarla.


Quanto costa la marca da bollo?


Ad oggi, anno 2019, la marca da bollo da apporre sulle ricevute di locazione costa 2€.

Dove posso comprare la marca da bollo?

Nelle rivendite di valori bollati alias tabacchino/ tabaccheria.
Le marche da bollo le "fanno al momento". Non sono valori pre-stampati per cui devi proprio chiedere una marca da bollo di 2€ (anche se è meglio comprarne diverse per averle a portata di mano).

Dove va applicata la marca da bollo?

Sull'originale, mentre sulla copia carbone che rimane a te dovrai scrivere "bollo apposto sull'originale" e il numero del bollo.

Le marche da bollo sono adesive, come puoi vedere nell'immagine qui sotto, e contengono un numero identificativo (0118117...) che è quello che dovrai scrivere nella tua copia carbone.

DA SAPERE: nel momento in cui le acquisterai, verrà stampata la data e l'ora (nella foto qui sotto è il 25/04/2019 ore 17:31).
Per legge, la marca da bollo apposta sulla ricevuta NON deve avere una data posticipata al giorno in cui emetti la ricevuta. Anticipata (anche di mesi) è possibile, posticipata NO ed è per questo che io ne compro diverse tutte insieme e le applico al bisogno.

Se NON metti la marca da bollo sulla ricevuta o ne metti una con la data successiva, è prevista una sanzione amministrativa da una a cinque volte l'importo della marca (quindi massimo 12€). In caso non l'avessi fatto in modo corretto sappi che, dopo tre anni dall'emissione, la sanzione non è più esigibile.

come fare ricevuta affitto

Come compilare una ricevuta di affitto?


Sulle ricevute devi scrivere:

- Il numero delle ricevuta (n.1, 2 ... ogni anno, a Gennaio, si riparte da capo con la numerazione).
- La data in cui dai la ricevuta,
- I tuoi dati: nome e cognome, indirizzo di residenza e codice fiscale (spazio in alto a sinistra),
- I dati del guest (nome e cognome, indirizzo e codice fiscale),
- Le date del soggiorno,
- Applicare la marca da bollo se l'affitto supera i 77,47€
Nel riquadro Totale inserire l'importo del canone inclusa la marca da bollo (se dovuta).
- Firma: la tua.
RICEVUTA PAGAMENTO AFFITTO TURISTICO fac simile

DA SAPERE: ci sono varie ricevute in commercio con l'impaginazione diversa l'una dall'altra. Non importa quale tu acquisti, l'importante è scrivere i dati elencati sopra. Volendo le potresti creare anche tu.
- Ci sono le ricevute generiche (la prima immagine sopra)
- e Le ricevute di affitto che sono più dettagliate (immagine sotto).

Ricevuta pagamento affitto

RICEVUTA PAGAMENTO AFFITTO TURISTICO 

fac simile 


Esempio ricevuta pagamento affitto turistico:

Ricevuta n... del ..../..../.... 

Il sottoscritto:
Nome e Cognome
Indirizzo completo di residenza 
Codice fiscale

Dichiara di aver ricevuto dal locatario:

Nome e cognome ospite
Indirizzo di residenza e Codice fiscale

L'affitto di Euro:
Scrivere cifra lorda ricevuta (senza marca da bollo)

Canone di Locazione corrisposto per:

Locazione turistica, appartamento sito in via: .......
per il periodo 1 gennaio al 7 gennaio 2019, per ospiti 2.

Marca da Bollo € ....


Imposta di bollo assolta sull'originale dovuta per importi superiori a € 77,47
Codice ID: 

Totale dovuto: ...........
- Firma per quietanza- 

...............................


NOTA 1:
A volte l'ospite chiede la ricevuta per essere rimborsato dall'azienda in caso sia un viaggio di lavoro. In questo caso puoi aggiungere una postilla sulla ricevuta con la cifra pagata anche per la tassa di soggiorno (se dovuta) in modo che possa dimostrare il pagamento ed essere rimborsato.
Tassa di soggiorno di euro.......

NOTA 2:
Se l'ospite rimane più di 30 giorni, è necessario registrare il contratto per cui aggiungere anche questa dicitura:
Canone di Locazione registrato presso l'Agenzia delle Entrate di ....... (nome città), in data...... , numero ...... , serie........... 
Periodo dal ...... al ........



Dove puoi scaricare il riepilogo annuale delle rendite guadagnate da Airbnb, Homeaway e Booking?


Airbnb

Vai nella tua dashboard e Clicca sull'immagine del profilo (foto in alto a destra)
Dall'elenco a tendina clicca su: "Cronologia delle transazioni".
Come vedi nell'immagine sotto cerca la cartella "guadagno lordo" e clicca il link "Scarica il CSV".


Homeaway

Vai nella tua dashboard e dall'elenco a sinistra clicca su: "Gestione prenotazioni" e poi su "Report finanziario".
Come vedi nell'immagine sotto, ti apparirà la pagina "riepilogo del pagamento", seleziona l'anno interessato e clicca il link "Scarica".


Booking

Puoi vedere e scaricare in pdf le tue fatture usando anche l'app Pulse.

- Tocca "Altro" e poi "Fatture". 
Seleziona la struttura per cui vuoi vedere le fatture.
- Tocca la fattura per cui vuoi vedere più dettagli.

Per visualizzare la fattura dall'extranet:
- Tocca "Vedi "
- Clicca "Scarica PDF" per scarica la fattura sul tuo dispositivo.

Riepilogo per chi gestisce una locazione turistica: i passi da seguire


1. Fai un contratto come locazione breve.
2. Emetti ricevuta di locazione (facoltativa su richiesta).

Le rendite annuali vanno dichiarate nei redditi da fabbricati, quadro RB
Puoi scegliere di volta in volta se usare la tassazione IRPEF o la cedolare secca a seconda di cosa di conviene di più.

Hai una Locazione Turistica?

Approfondisci:
Tassazione locazione turistica NON imprenditoriale.


Bene, spero di essere stata esaustiva. Se vuoi rimanere aggiornato e seguire passo passo i punti per essere un buon host, segui la pagina "learning content" sul gruppo FB: I segreti degli host blog. Ci vediamo di là e se ti va di
condividere l'articolo (cosa che mi farebbe molto piacere) clicca uno dei tasti social che vedi qui sotto. Grazie 😊

Aggiornato Maggio 2019

COMMISSIONI TRIPADVISOR

00:20 0 Comments

Percentuale Tripadvisor per host e per il viaggiatore. Costi servizio Tripadvisor. Quanto prende Tripadvisor di percentuale? Tripadvisor per proprietari. Tripadvisor proprietari commissioni.

commissioni tripadvisor
Commissioni TripAdvisor 

Commissioni TripAdvisor proprietari 


  • La commissione per host di TripAdvisor è del 3% della cifra totale. Se la prenotazione va a buon fine.



Per incassare 100€ netto al giorno di affitto dovrai impostare un prezzo lordo aggravato del 3% più eventuali spese di pulizie, tasse di soggiorno... se non lo farai, e imposterai 100€, il netto sarà di 97€ al giorno

Tripadvisor percentuale
costo servizio proprietari TripAdvisor

Screenshot sulle commissioni siti case vacanze forniti da Carmelo gestore di Sole & Mare a capo d'Orlando, Messina.

Percentuale Tripadvisor per il viaggiatore


La commissione TripAdvisor per il guest varia dal 8 al 16% della cifra impostata dal proprietario.

Esempio:

il proprietario se imposta una cifra di 100€ per l’affitto di una notte, guadagnerà 97€,
il cliente paga il 100€ + la percentuale del 8 o 16% (quindi 108 o 116€),
il sito di booking on-line guadagna 3€ dall'host e 8 o 16€ dal guest

Approfondisci: Commissioni Airbnb.

come guadagna tripadvisor
costo servizio ospiti tripadvisor

Articoli correlati:

Come funziona Booking per i proprietari.
Come iscriversi a Booking senza pagare la commissione sulle 5 prime prenotazioni.
- Guida gratuita per iscriversi ad Airbnb.
Aggiornato luglio 2019

COMMISSIONI AIRBNB

23:31 0 Comments

Commissioni Airbnb. Percentuale Airbnb. Percentuale Airbnb per host e per il viaggiatore. Costi servizio Airbnb. Quanto prende Airbnb di percentuale?

COMMISSIONE AIRBNB
COMMISSIONI AIRBNB

COMMISSIONI AIRBNB


La commissione per host di Airbnb dipende dalla policy di cancellazione impostata comunque si aggira dal 3 al 5 % della cifra totale. Se la prenotazione va a buon fine.


👉 Guida (gratuita) per inserire un annuncio su Airbnb.

Percentuale Airbnb per host


Come impostare la cifra dell'affitto

Se tu in veste di proprietario vuoi guadagnare 100 euro a notte, devi aggiungere a tale cifra la percentuale corretta, che ti verrà poi decurtata, per cui è importante sapere a quanto ammonta la commissione di servizio di Airbnb o altri siti che usi.

Mettiamo il caso che tu voglia guadagnare 350 euro a settimana per l’affitto del tuo appartamento e la percentuale richiesta sia del 3%.
Per incassare 350€ dovrai impostare un prezzo lordo aggravato del 3%.

Facciamo un esempio pratico:

PROPRIETARIO:
Il 3% su 350€ è 10.50€ (350:100= 3,5*3= 10,50€)
Ora aggiungi 350+10.50 (la commissione di servizio) e otterrai 360.50€
Il proprietario imposta 360,50€ sul sito di promozione casa vacanze (oltre eventuale tasse richieste e spese extra) il quale applicherà, di media, un rincaro del 10% (o più) al cliente.

CLIENTE:
In questo caso il 10% di 360.50€ è 36.05€
360.50+36.05= 396.55€ è il prezzo che pagherai tu come cliente per soggiornare una settimana in quell'appartamento.

Riepilogo:
  • il proprietario guadagna 350€ per l’affitto di una settimana,
  • il cliente paga 396.55€,
  • il sito di booking on-line guadagna 46.55€




Commissione Airbnb per il guest


  • Commissione Airbnb per il viaggiatore: 12-15% (raramente fino al 20%)

Il costo del servizio è una percentuale dell’importo totale della prenotazione, escluse tasse e commissioni rimborsabili. Questo costo oscilla per la maggior parte delle prenotazioni, ma in alcuni casi può essere inferiore o superiore a tale valore.


Costi del servizio Airbnb

Come si calcola?

Per calcolare il costo del servizio Airbnb e sapere quanto ti hanno decurtato di commissione da una prenotazione, vai nella pagina host e clicca sulla voce:
"prenotazioni" ⇨ "dettagli" e vedrai un riquadro come questo nell'immagine sotto che include:

- la tariffa lorda moltiplicata per le notti prenotate con il totale
- i costi del servizio.
- Il totale netto in grassetto che è quello che ti troverai accreditato sul conto corrente.

percentuale airbnb


Percentuale Airbnb

Come calcolare la percentuale decurtata sui siti di case vacanza

Partendo dall'esempio sopra, si prende la cifra del costo di servizio e la si divide per la tariffa lorda:

49,35:1348,30= 0,036

La cifra ottenuta, si moltiplica per 100 in modo da ottenere la percentuale esatta che in questo caso è: 0,036x100= 3,6%



COSTI DEL SERVIZIO DI AIRBNB PER INTERMEDIARI


Come potrai notare nell'immagine sotto, uno Screenshot preso dalla pagina FAQ di Airbnb, la commissione base di Airbnb è del 3% per il proprietario ma è possibile, in taluni casi, se il profilo è gestito da un intermediario, che i costi del servizio siano tutti a tuo carico.
percentuale airbnb per prenotazione
Per fare questo devi impostare la prima opzione evidenziata come "consigliata" - Pagherai un costo del servizio del 14% sul prezzo che hai impostato.

Questa opzione è pensata per fare in modo che il viaggiatore non veda il rincaro sul prezzo durante la fase di ricerca.
Se questa opzione di piace, ricordati di aumentare sul prezzo giornaliero di affitto che vuoi incassare, il 14% in più. Quindi, se vorresti 100€ di utile netto dovrai impostare almeno 118€.

Mettere un annuncio su Airbnb: vantaggi


  • gestione facile dell’intranet (calendario disponibilità, impostazione prezzi e sincronizzazione con il calendario prenotazioni di altri siti…)
  • la diffusione a livello internazionale
  • la possibilità di comunicare con l'eventuale ospite
  • la possibilità di decidere se accettare o rifiutare una richiesta di prenotazione.
  • Ti permettono di usufruire della loro piattaforma, della vetrina del sito e avere la possibilità di essere notato da più viaggiatori.
  • La sicurezza di ricevere i soldi dal cliente.
  • Più visibilità, anche internazionale, e quindi più prenotazioni.
  • Non devi lasciare i tuoi dati sensibili come gli estremi bancari a degli sconosciuti sperando che siano puntuali con il pagamento.
  • Airbnb fa promozione del proprio marchio. Più è conosciuto e più la gente si affida e i probabili clienti aumentano.



Prenotare casa su Airbnb vantaggi per il guest


  • Eviti le truffe (con il fai da te potresti incappare in un truffatore che si fa spedire una caparra o il pagamento anticipato e poi sparisce). Leggi l'articolo su  come tutelarti dalle Truffe delle case vacanza (ci sono molti truffatori che usano il marchio Airbnb come specchietto per le allodole.)
  • Il locatore riceve i soldi dopo 48 ore che tu ti sei insediato nell'alloggio. Se c’è qualche problema, o l’alloggio non corrisponde alla descrizione fatta, puoi telefonare al servizio clienti del sito di casa vacanze e bloccare il pagamento.
  • Pagamenti via server sicuro attraverso il sito.
  • Puoi leggere le recensioni di altri clienti che hanno già soggiornato nella stessa struttura.
  • Puoi scrivere e relazionarti con il proprietario anche prima di prenotare senza lasciargli i tuoi dati o mail. Puoi fargli direttamente delle richieste o solo ottenere informazioni aggiuntive. Stanno aprendo questa possibilità anche su Booking.
Se ti interessa intraprendere questa attività, e necessiti di una guida completa che ti aiuti, ti ricordo che puoi acquistare il mio e-book su Amazon. Trovi tutte le info per iniziare, poi si impara strada facendo e confrontandosi con altri host.
👉 Affittare casa ai turisti
oppure seguimi sul blog:
👉 vita da host




Spero che le informazioni ti siano state utili, se ti va di ricambiare apprezzerei molto un click si supporto. Schiaccia pure senza ritegno uno dei tasti "social" qui sotto.

P.S. Se vuoi condividere le tue esperienze, in qualità di viaggiatore o proprietario, sarò felice e curiosa di leggerle. Commenta pure qui sotto.

Aggiornato luglio 2019

COME PITTURARE UNA PARETE

10:47 0 Comments

Pitturare una parete fai da te. Decorare una parete di casa da soli. Dipingere i muri di casa. Tutorial per pitturare una parete da soli.

  • Togliere eventuali quadri, coprire i mobili e il pavimento.
  • Pulire la parete con un panno eliminando la polvere. 
  • Se ci sono solchi o buchi devi stuccare le imperfezioni con un'apposita pasta riempitiva; una volta indurita la pasta, la carteggi per renderla liscia e uniformarla al resto del muro.
  • Comprare una pittura e applicare una mano se la parete da pitturare è chiara se invece devi coprire un colore scuro, è necessario comprare una pittura murale molto coprente e applicare 2 mani a distanza di almeno 6 ore l'una dall'altra.
Ora vediamo il mio esperimento.

pitturare una parete da soli
Come pitturare una parete

Eccomi! Per chi fosse atterrato solo ora sul blog, faccio un breve riassunto.
Ho comprato casa e per risparmiare soldi, e perché amo il fai da te, la sto personalizzando facendo da sola alcuni lavori.
Non sono una professionista del settore, sono donna, minuta di costituzione... per cui se posso farlo io, lo può fare chiunque. Niente scuse eh! 😉

COME PITTURARE UNA PARETE


Bene, in questo articolo ti spiego:
👉 come decorare una parete in modo diverso dalle altre per dare un po' di calore e carattere all'abitazione.
👉 come pitturare le pareti di casa (imbiancarle) per sostituire un vecchio colore, magari scuro, che non ti piace più.

Se vuoi sperimentare la "pittura a spruzzo" (ideale per grandi metrature e velocizzare il lavoro), ti consiglio la lettura di questo post:
👉 usare la pistola a spruzzo per imbiancare le pareti di casa.
Utile anche se stai cercando info per pitturare una parete già colorata.

Se invece vuoi vedere come ho pitturato la parete della mia stanza con dell'adesivo e un pennello, continua la lettura.


Come pitturare una stanza da letto


La mia camera da letto ha i muri completamente bianchi ma ho deciso di dipingere una parete in modo originale per rendere la stanza meno anonima.

Ho sbirciato delle riviste per avere qualche idea di pareti finché ho scelto il motivo preferito che nel mio caso è un disegno geometrico fatto usando dell'adesivo carta e una pittura a effetto sabbiato. Ti levo subito la sorpresa e ti faccio vedere l'effetto finale che ho ottenuto in camera mia:

Pitturare una parete effetto sabbiato

Lo adoro!
Nulla ti vieta di pitturare la parete in modo più sobrio o con una pittura diversa: alla fine il procedimento non cambia... anzi... se non cerchi effetti particolari, la stesura della tempera sarà più facile.

Ma partiamo dall'inizio... tu a che punto sei?
Parete già trattata o parete da imbiancare?



Come pitturare una parete colorata


L'appartamento che ho comprato è di "seconda mano". Il venditore aveva pitturato la parete della stanza di un colore fuxia intenso, mentre il soggiorno di un "sobrio" verde e arancio 😱... Siccome non amavo questi accostamenti, ho coperto tutto con due mani di bianco.

NOTA: Se anche tu vuoi cambiare completamente colore delle pareti devi prima tinteggiare tutto con un'ottima tempera coprente bianca (molto coprente, non una qualsiasi).

A seconda dei metri quadri da pitturare, puoi comprare un barattolo di pochi litri o più.
Esempio di resa per la tempera selezionata (la resa si intende per una sola mano di pittura, se ne farai 2 devi raddoppiare i litri):
  • da 0.75 litri (resa 8-10 metri quadrati), 
  • 4 litri (resa 44-50 metri quadrati) 
  • o 14 (resa 154- 182 metri quadrati). 
La pittura coprente bianca 👈 selezionata è già pronta all'uso, NON va diluita.



  • Apri il barattolo, 
  • mischia la tempera con un bastone/coltello, 
  • immergi il rullo/pennello, 
  • togli la tempera in eccesso in una griglia o vaschetta 
  • e parti a pitturare la parete.
Proteggi lo zoccolo con della carta adesiva e compra dei pennelli per rifinire gli angoli e i punti più ostici.
Se non ce l'hai, compra anche una vaschetta in cui versare la tempera e rimuovere l'eccesso di pittura. Io l'ho usata ed è comoda quando sali sulla scala, da appoggiare all'ultimo gradino.



La qualità della pittura è importante quando hai delle pareti già trattate e per di più con colori accesi come nel mio caso.
Nell'immagine sotto puoi vedere il risultato dopo la prima mano di pittura usando una pistola a spruzzo.
P.S. Si dovrebbe iniziare dall'alto verso il basso a pitturare una parete ma io avevo dimenticato la scala e la parte alta l'ho dipinta in un secondo momento (fortunatamente si è uniformato tutto perfettamente).

come tinteggiare una parete

Dopo aver pitturato tutto di bianco, e lasciato asciugare, potrai passare la mano di colore. Io ho scelto di fare solo una parete colorata lasciando le altre bianche.

COME PITTURARE UNA PARETE: materiale


Pennello o rullo (o se ce l'hai, ed è idonea, la pistola spray).



Il pennello lo devi usare se vuoi fare una parete a effetto sabbiato come la mia facendo delle pennellate incrociate. Il rullo (più veloce) se vuoi pitturare normalmente senza particolari effetti.

dipingere una parete in modo originale

Se vuoi ottenere degli effetti sulla parete, come il mio disegno geometrico, dovrai comprare un adesivo nastro carta e lasciare spazio alla fantasia o ispirarti ad un disegno. 
Consiglio 👉 Mi raccomando, premi bene il nastro a parete per evitare che la pittura entri nelle fessure.



Posizionato l'adesivo, o meno, a seconda del risultato che vuoi ottenere, dovrai scegliere la tempera che preferisci. Ci sono diverse varianti in commercio: Paillettes, pittura effetto lavagna, sabbiato... oppure puoi prendere una tempera normale del colore che preferisci e passarla con l'apposito rullo o spugna e fare una parete con l'effetto legno, coccodrillo, rilievo, spugnato...



Se hai optato per un disegno geometrico con nastro carta, dopo aver passato una mano di colore (o due), a tua scelta, lascia asciugare il tutto per diverse ore e poi rimuovi il nastro per far emergere il disegno sottostante.

pareti effetto sabbia

Per mio gusto personale, prima di togliere il nastro carta, ho spruzzato la parete con della tempera nera e aggiunto qualche "macchia" di oro glitterato: volevo che la parete assomigliasse alla carta regalo che ho comprato da Ikea. Nell'immagine sotto, puoi vedere l'effetto finale (purtroppo sono foto fatte con smartphone e non rendono l'effetto come dal vivo).

come tinteggiare una stanza

Costo sostenuto per una parete di 6mq (una mano di pittura): incluso pittura effetto sabbiato, glitter, pennello, 2 adesivi carta, vaschetta: circa 40€

Come pitturare una parete idee ed effetti


Qui di seguito alcune pitture speciali per dipingere una parete di casa in modo originale.

Vernice glitterata – muri e soffitti – Paillettes argentate



Pitturare una parete ad effetto lavagna.



Pitturare il muro con l'effetto sabbiato che è stata la mia scelta.



Bene, anche per oggi è tutto. Se necessiti di qualche info o chiarimento aggiuntivo, lascia pure un commento qui sotto.
In caso contrario, una condivisione dell'articolo è sempre gradita. Fai sapere ai tuoi amici che "una mano" per tinteggiare casa è sempre ben gradita. Uno ci prova sempre eh 😇

Aggiornato giugno 2019

COME ARREDARE CASA PICCOLA

19:15 0 Comments

Arredare casa piccola, come ottimizzare gli spazi in una casa piccola, idee per arredare casa piccola di 35mq o monolocali di 30mq, arredamento casa piccola. Soluzioni di arredo per piccoli spazi.

arredamento casa piccola
Arredare casa piccola

Se hai una casa piccola di circa 30 mq o, come la mia, un bilocale di 45mq, è necessario sfruttare al meglio gli spazi e comprare mobili specifici in modo da creare un ambiente arioso e pratico in cui sia piacevole vivere.

COME ARREDARE CASA PICCOLA IDEE


Mobili per piccoli spazi

Abbi molta cura nel scegliere i mobili di un piccolo appartamento perché spesso, per risparmiare, si scelgono prodotti "old style", o riciclati, da una casa più grande magari il classico mobile in legno scuro o mobili molto "pesanti" o voluminosi assolutamente NON idonei per un monolocale o piccolo bilocale.

Se sei in fase di acquisto, valuta i mobili in stile svedese o comunque mobili "sollevati da terra" che danno l'impressione di leggerezza.
Vedi immagine sotto come esempio:

arredare casa di 30mq

In alternativa, valuta se tinteggiando un vecchio mobile con un colore più moderno e chiaro, tu possa salvare qualcosa.

Approfondisci qui: Come verniciare un mobile di legno.

colori da prediligere in una piccola casa sono sabbia, grigio chiaro, bianco, colori neutri che si abbinano facilmente con dei complementi d'arredo più colorati (giallo, rosso, turchese...) per dare un tocco di freschezza e calore alla casa ma senza appesantire.
Il legno massiccio, scuro, è meglio evitarlo a favore di materiali come vetro e metallo.

Gli arredi di queste 2 immagine postate qui sopra, li trovi nel 👉 catalogo online di Maisons du Monde.

Come ottimizzare gli spazi in una casa piccola



In una casa piccola, o in un monolocale, lo spazio non è mai sufficiente per cui è necessario comprare dei mobili con doppia funzione, trasformabili o a scomparsa.
Vediamo alcuni esempi.

Armadi per piccoli spazi

L'armadio non è essenziale in un piccolo spazio. Si può sacrificare trovando soluzioni più pratiche come un armadio "a giorno": un 👉 organizer espandibile e modulabile che in futuro può essere anche inserito in un armadio classico per organizzare al meglio i vestiti all'interno.



Ad ogni modo, se proprio vuoi un armadio, sceglilo con le ante scorrevoli in modo che possa essere messo anche vicino ad un letto, o una porta, con pochi cm di spazio l'uno dall'altro senza che sia limitata la funzionalità.

Ti segnalo anche 👉 l'armadio della Premag che è l'ideale per chi deve arredare una casa in affitto e cerca una soluzione economica, facilmente smontabile e rimontabile per un futuro trasloco. In più si può "creare" un armadio "su misura" anche per soffitto spiovente, sottoscala, angoli angusti...


Tavolo per cucina piccola

In questo specifico caso, si valuta l'acquisto di un tavolo a scomparsa, o a muro, o pieghevole, in modo da farlo scomparire quando non ne hai bisogno lasciando libero lo spazio.

Sedie pieghevoli

Se non hai necessità di tenere un tavolo con le classiche 4 sedie fisse, è meglio prenderle comode, imbottite ma pieghevoli da utilizzare al bisogno. Sono facili da impilare anche alla parete con un gancio, quando non servono.






Soluzioni di arredo per piccoli spazi 


Contenitori multiuso


Ci sono altre caratteristiche che rendono una casa piccola un gioiellino e sono: l'uniformità dei componenti d'arredo, piccoli oggetti di design che si adattano a vari usi, intercambiabili e colori chiari ben bilanciati tra di loro.
👉 I componibili della Kartell sono una soluzione ottimale perché si adattano a diversi usi, si spostano con facilità, sono componibili e, in più, sono privi di angoli che in un ambiente piccolo è sempre meglio evitare, quando possibile.




Mobili bagno per piccoli spazi

Anche nel bagno via libera ai componibili che un domani, quando traslocherai, potrai trasformare in ripiani da mettere in un angolo, un tavolino in salotto, un ripiano utile in cucina...
Questo nell'immagine è in vendita da Ikea.
salva spazio in bagno

Letto contenitore

Se non hai spazio per un armadio, è bene pensare ad un letto che abbia spazio sufficiente in cui mettere coperte, salviette e anche qualche vestito.
idee piccoli spazi

Come anticipato, sarebbe meglio un mobile con i "piedini" sollevati da terra ma in mancanza di spazio bisogna rinunciare a qualcosa in favore della praticità e organizzazione: piuttosto che avere cose e vestiti disordinati e ammassati in giro meglio riporli dentro il vano del letto.



Ancora meglio, a mio parere, i letti multifunzione con diversi cassetti estraibili più comodi del letto con contenitore, da alzare ogni volta.
Vedi 👉 letti multifunzionali su Amazon:



Se il tuo letto lo vuoi usare anche come divano, senza ricomporlo ogni volta, è sufficiente acquistare un letto senza testiera e aggiungerci un cuscino a triangolo che funge sia da testiera, sia per appoggiare la schiena: comodo mentre leggi, lavori a PC, guardi la TV.
A lato del cuscino cuneiforme, trovi anche una comoda tasca per inserire il telecomando del televisore o lo smartphone:



Idee per arredare casa piccola di 30mq


Cucina mini per monolocale

La cucina in un monolocale non dovrebbe occupare più di mezza parete per cui favorisci una 👉 cucina monoblocco, o componibile, per assemblarla come meglio credi.
Tutti i componenti dovrebbero avere dimensioni ridotte quindi una piastra elettrica a 2 fuochi, un frigorifero mini, lavello e microonde. Il forno classico può essere sostituito con un forno elettrico di dimensioni ridotte.
Un esempio qui di seguito:



Divano letto trasformabile o letto a scomparsa

Se hai un monolocale, e NON hai spazio per il classico letto, le soluzioni sono essenzialmente 2:
Un divano letto come questo proposto da Maisons du Mond:
Divanetto letto 2 posti grigio chiaro Nio
Divanetto letto 2 posti grigio chiaro Nio

o il letto a scomparsa con un meccanismo di apertura facilitato. Questa è la soluzione più pratica per chi vive in un monolocale, non è la più economica ma è un buon investimento se si pensa di vivere in una casa piccola perché poi, diciamocelo, rifare il divano ogni volta stanca e la praticità è sempre da favorire.

Compra un letto a scomparsa che si chiuda e apra comodamente con un clic, come questo selezionato. Evita i meccanismi contorti.
Di solito strutture del genere hanno un costo di 3000€ (puoi chiedere un preventivo in un negozio specializzato). Su Amazon si trovano a prezzi più concorrenziali e anche di buona qualità. Qui sotto 2 esempi:



Arredare casa piccola

conclusioni

Quando compri un oggetto per il tuo piccolo spazio, pensa all'ingombro e al volume: se è eccessivo evita. 
Prediligi oggetti modulari, componibili o che si sviluppano in altezza come questo 👉 Set pattumiere per la Raccolta differenziata:



Bene... se questi consigli ti sono stati utili per arredare la tua casa piccola, mi farebbe piacere se li condividessi sul tuo social preferito cliccando uno dei tasti qui sotto. Thanks! 


Moira Tips
Aggiornato luglio 2019

TASSAZIONE CASA VACANZE non imprenditoriale

23:45 23 Comments
Casa vacanze non imprenditoriale tassazione. 
Locazioni brevi come fare la dichiarazione dei redditi: dove e quando si paga, unico, 730, cedolare secca, Irpef. Tassazione casa vacanze. Tasse su affitto appartamento gestito in forma non imprenditoriale da privati.


In questo articolo riassumo le principali domande e i dubbi più diffusi che sorgono a chi affitta un immobile ai turisti in modo NON imprenditoriale.


regime fiscale casa vacanze non imprenditoriale
Tassazione casa vacanze

Se durante l'anno 2018 hai percepito dei redditi affittando casa tua, nel 2019 sei tenuto a dichiararli.
  • Cedolare secca
  • Tassazione Irpef


Paragrafi di questo articolo:

1. Dove vanno indicati i redditi percepiti dagli affitti brevi di una casa vacanze?
2. Tassazione Irpef o Cedolare secca? (Decreto 2017)
3. Quanto costa fare la dichiarazione con un intermediario fiscale o un CAF abilitato? 
4. Contratto locazione transitorio: conoscere la normativa per affittare casa nella mia regione?
    • Affitto casa ma l'immobile non è mio, come lo dichiaro?
    • Come dichiarare una casa in affitto intestata a 2 coniugi?
    5. Normativa casa vacanze e Contratto locazione transitorio
    6. Affittare casa per brevi periodi con Airbnb come dichiarare i redditi?





    Vuoi leggere l'articolo comodamente da casa? Nel mio ebook: "locazioni brevi cosa fare" trovi anche questo articolo insieme a tutti gli altri.


    Una cortesia, l'articolo è piuttosto esaustivo e mi ha richiesto diverse giornate per scriverlo, prima di lasciare la pagina mi farebbe molto piacere se lo condividessi nel tuo social preferito. Grazie.




    Regime fiscale casa vacanze non imprenditoriale


    Premetto che, per quanto io cerchi sempre fonti sicure e siti affidabili, NON sono un commercialista per cui le informazioni che fornisco sono sempre da verificare con un intermediario fiscale in modo da ottenere informazioni sempre aggiornate all'anno in corso.

    Casa vacanze normativa fiscale


    Partiamo dall'inizio e chiariamo che cosa s'intende per Normativa per Locazioni brevi:

    1. Affittare casa o una stanza per periodi inferiori a 30 giorni. 
    2. Affittare saltuariamente/ stagionalmente.  Per esempio per le locazioni brevi svolte in Lombardia, sono obbligatori 90 giorni di chiusura all'anno (non per forza continuativi). Per cui ti invito ad informarti sulle normative comunali vigenti nella tua regione/comune in modo da sapere se avrai anche tu un obbligo di chiusura e l'iscrizione a portali dedicati come Turismo5: Sistema di gestione dei dati turistici Lombardia.

      4. Affittare un massimo di 2 immobili o 3 camere con un massimo di 6 posti letto complessivi.

      5. Affittare il tuo spazio senza fornire servizi aggiuntivi, quali colazione e pulizie giornaliere. Puoi fornire lenzuola e asciugamani e farti pagare per la pulizia finale.


      1. Dove vanno indicati i redditi percepiti dalle locazioni turistiche?



      Dove si dichiarano?

      I redditi percepiti dalle locazioni turistiche vanno indicati, nel 730, nel quadro B dei fabbricati.
      Se non fai il 730 perché non lavori o non hai un sostituto d'imposta, dovrai fare il modello Unico P.F. riportando la somma del reddito percepito sempre nel quadro RB del modello Unico (redditi fondiari-redditi da terreni e fabbricati).

      Che differenza c'è tra redditi fondiari e redditi diversi?


      I redditi incassati per una locazione turistica di un immobile di proprietà sono chiamati "redditi fondiari".
      Chi affitta una casa NON propria (sublocazione o comodato d'uso) genera redditi diversi e può optare per la cedolare secca solo se la locazione è inferiore a 30 giorni come stabilito dal DL 50/2017.

      Dubbi su come dichiarare i redditi da locazione? Se inserirli nel quadro B o D?
      👉 Scarica questa guida.



      2. Meglio la Tassazione Irpef o la Cedolare secca?



      Dipende dal tuo reddito. Bisogna valutare caso per caso.
      La tassazione Irpef non ha una percentuale fissa. Questo vuol dire che devi sommare tutti i tuoi guadagni e le tue rendite annuali e, a seconda della cifra raggiunta, sarai tassato con una certa percentuale d'imposta. Più alti sono i guadagni più tasse pagherai. Indicativamente se non guadagni più di 15000 euro lordi all'anno, i tuoi redditi saranno tassati al 23%.

      Aliquote Irpef 2019


      - Fino a 15.000 euro, 23%;

      - Reddito tra 15.001 - 28.000 euro, 27 % (quindi 3.450 euro più il 27% calcolato sulla parte eccedente i 15.000 euro);

      - Reddito tra 28.001- 55.000 euro, 38% 

      - Reddito tra 55.001 - 75.000 euro, 41%

      +75.000 euro, 43%



      Appartamenti in affitto turistico gestiti in forma non imprenditoriale da privati

      Tassazione Irpef


      Con la tassazione Irpef  si tassa l'affitto guadagnato al 95% del lordo (per esempio se guadagni 10 mila euro all'anno, l'importo tassato sarà 9500 euro).
      Con la tassazione Irpef puoi detratte varie spese ma devi valutare se hai diritto o meno a seconda della tua posizione fiscale e la validità delle ricevute.

      Cedolare secca


      Con la cedolare secca si tassa l'intero guadagno lordo al 100%.

      Questa forma è più conveniente se non hai molti oneri da detrarre. L'aliquota parte dal 10% al 21% a seconda che il contratto di locazione sia a canone concordato o canone libero.
      Se scegli questa tassazione NON potrai dedurre nessuna spesa correlata all'affitto casa (intermediazione, donna pulizie...).

      Ad ogni modo puoi decidere che opzione scegliere tra tassazione Irpef o cedolare secca durante la dichiarazione dei redditi valutando il tutto con il tuo commercialista/ CAF a seconda di quello che ti conviene.

      Seguimi su Facebook: unisciti al gruppo.













      3. Quanto costa fare la dichiarazione con un intermediario fiscale o un CAF abilitato? 




      Circa 100 euro se ti avvali di un commercialista o 70-80€ se vai in un Centro di Assistenza Fiscale. Puoi anche avvalerti di un commercialista online per fare tutto comodamente da casa.
      Se invece sei iscritto ad un sindacato i costi si dimezzano.
      C'è anche la possibilità di fare tutto online gratuitamente. Opzione che consiglio SOLO se si è pratici in materia e non devi fare una dichiarazione troppo complicata.

      TI SERVE L'ASSISTENZA di UN ESPERTO CONTABILE?

      Ti consiglio di cercare un commercialista online perché, di solito, i prezzi sono più bassi e molti hanno una tabella della tariffe richieste per ogni servizio visibile in modo da capire quanto spendere ed evitare sorprese.
      Scrivi commercialista online nella barra di ricerca e avrai l'imbarazzo della scelta (non è necessario che sia della tua città giacché farete tutto via telefono, skype o mail).




      4. Come posso conoscere la normativa per affittare casa nella mia regione sotto il regime di locazione turistica?



      Semplicemente rivolgendoti allo SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ RICETTIVE del tuo comune. In città come Roma c'è un sito dedicato online in cui è possibile fare tutto comodamente da casa. (Qui il sito del SUAR Roma.)
      Per tutti glia altri piccoli o medi comuni si può cercare online digitando sul motore di ricerca [Sportello Unico per le Attività Ricettive ...... (nome tuo comune)], oppure cercare solo [Comune di...] cercare un contatto telefonico e chiamare per chiedere info sulla normativa specifica (sempre che ci sia.)


      4a. Affitto casa ma l'immobile non è mio, come lo dichiaro?



      L'ideale sarebbe essere proprietari dell'immobile che si affitta.
      Ad ogni modo se il proprietario ti cede la possibilità di subaffittare il suo immobile sarà chi affitta casa e percepisce i redditi che dovrà poi dichiararli.


      4b. Sei il figlio che gestisce casa dei genitori o dei nonni?


      Puoi gestirli tu gli affitti online ma intestando le fatture e i pagamenti al proprietario di casa.

      4c. Sei in pensione e affitti la tua seconda casa?


      Nessun problema. La cifra guadagnata si sommerà agli altri redditi che hai. Conserva le varie ricevute dei pagamenti e dichiarale nel modello 730.

      4d. Siete una coppia in comunione dei beni e affittate la vostra casa co-intestata?


      In questo caso il reddito generato da questi affitti deve essere dichiarato da entrambe i proprietari dell’immobile secondo le rispettive percentuali di proprietà.


      DA SAPERE: Casa vacanze versus locazione turistica. 

      Alcune case vacanze possono offrire servizi turistici (pulizie giornaliere, i servizi di ristorazione...) ma in questo caso si tratta di una struttura ricettiva professionale e non di locazione turistica, per cui ha obblighi amministrativi e burocratici diversi. Come il caso di B&B.



      Tassazione locazione turistica

      5. La procedura corretta per affittare casa tua



      Gli altri adempimenti necessari alla corretta tenuta della locazione per brevi periodi sono: 

      # Non superare il limite di 30 giorni per ogni contratto di locazione stipulato con lo stessa persona (2 contatti di 20 giorni fatti a marzo e settembre per esempio, intestati alla stessa persona, non si può fare perché sommandosi (20+20= 40) eccede il limite di 30 giorni.

      # Creare un contratto d'affitto turistico in forma scritta da fare firmare al conduttore.
      Sulla ricevuta, se l’importo supera le €. 77,47 (sia per l'acconto che per il saldo) deve essere apposta marca da bollo da € 2
      La marca da bollo può essere acquistata in cartoleria il blocchetto delle ricevute anche su Amazon:



      DA SAPERE: 
      Questa procedura è necessaria se affitti casa tua senza intermediari. Per ogni pagamento che ricevi tramite bonifico, pagamenti via Paypal, contanti... devi creare una ricevuta, o comprarne una come questa mostrata sopra, e apporre il bollo. 

      NOTA: Se usi un intermediario come Airbnb non hai bisogno di rilasciare una ricevuta. Va eventualmente rilasciata soltanto a chi la richiede in quanto l'obbligo della ricevuta riguarda soltanto la cessione di beni.

      Contratto locazione turistica fac simile 👈 Scaricalo qui in formato PDF

      Approfondisci:
      CONTRATTO LOCAZIONE TURISTICA fac simile.
      Come e quando fare una ricevuta fiscale per i tuoi ospiti.

      Vuoi mettere casa su Booking?

      # La registrazione in questura. 
      Sì è dovuta. anche se sei una LT, locazione turistica, e non solo una CAV, casa vacanza, devi registrare gli ospiti presso la questura.
      No Panic! Il procedimento è automatizzato. Puoi farlo comodamente stando a casa tua usando un PC. Dovrai recarti in questura solo la prima volta per fare domanda e richiedere il tuo codice personale per accedere alla pagina in cui dovrai inserire i dati dei tuoi ospiti.

      Leggi l'articolo dedicato 👉 Alloggiati web questura.

      # Tassa di soggiorno: NON in tutti i comuni è richiesta.
      Per questo sottolineo l'esigenza di rivolgersi all'impiegato comunale per ottenere la licenza di locazione turistica NON imprenditoriale. Ripeto il più delle volte non ci saranno vincoli né normative particolari e dovrai solo pensare a inserire l'annuncio sui vari portali di casa vacanza.

      Leggi l'articolo dedicato 👉 Tassa di soggiorno comunale: la devi pagare?

      INFO UTILI da fornire? Visto che ogni comune ha la sua personale regolamentazione, se vuoi portare la tua esperienza riguardo il comune in cui affitti casa, puoi lasciare un commento a fondo pagina. 

      DA SAPERE: 
      I contratti di locazione di tipo turistico NON possono essere intestati a società, ma esclusivamente a privati. Per affittare a società di capitali c'è una forma di locazione diversa: il contratto di foresteria.

      Creare sito web in 3 clic

      6. Affittare casa con Airbnb come dichiarare i redditi?


      Per dichiarare i redditi percepiti usando il portale Airbnb devi fare la somma di quello guadagnato durante l'anno precedente a quello in cui si fa la dichiarazione. Quindi se hai iniziato ad affittare e incassare soldi nel 2018 grazie al tuo immobile locato, la dichiarazione la dovrai fare nel 2019. I redditi vanno dichiarati sempre nel quadro RB del modello Unico, o 730: redditi fondiari-redditi da terreni e fabbricati.

      Trovi il riepilogo dei tuoi incassi annuali nell'area riservata di Airbnb.

      • Vai nella pagina "Account" - sulla sinistra clicca "Cronologia delle Transazioni" e cerca nella tabella mostrata la voce "Guadagno Lordo".
      Clicca la scritta rossa "scarica CSV" per ottenere una copia stampabile nel tuo PC.

      Articoli correlati:
      Un po' di storia

      A fine 2016 era stato scritto un emendamento che prevedeva l'introduzione della cedolare secca al 21% sugli incassi degli affitti brevi per le strutture extralberghiere gestite da privati e intermediari online. La norma prevedeva anche l'istituzione di un apposito registro all'Agenzia delle Entrate, un registro nazionale di privati che offrono ospitalità tramite portali online e una clausola anti-evasione. 

      2017: REGIME FISCALE Locazioni Brevi
      l’art.4 del D.L. 50 del 24 aprile 2017 volge a modificare il regime fiscali delle locazioni brevi.

      Dal 1° giugno 2017, la cedolare secca con aliquota del 21% verrà applicata ai redditi derivanti dai contratti di locazione breve sia che si affitti casa da soli o attraverso degli intermediari come Airbnb e similari.

      Fin qui niente di nuovo se non che la possibilità di applicare la cedolare secca si espande anche a chi prima non poteva applicarla.
      Per il resto la scelta è sempre tra cedolare secca al 21% o tassazione Irpef (minimo 23%).

      La novità vera e propria riguarderebbe gli intermediari, non solo le agenzie immobiliari ma anche le piattaforme online (airbnb, homeaway, tripadvisor...), saranno incaricati di trattenere le tasse dall'affitto per tuo conto.

      ✅ Come si sa, Airbnb & co "dovrebbero" fare i sostituti d’imposta ma chiaramente NON lo stanno facendo e non so se lo faranno in futuro. Staremo a vedere.

      ✅ L'altra cosa che l'intermediario dovrà fare è quella di notificare all'agenzia delle entrate quanti contratti TU, come HOST, hai stipulato attraverso la loro piattaforma/agenzia. Questo decreto punta a limitare l'evasione fiscale.

      RICORDO CHE:

      L’obbligo di pagare le tasse entro il 16 del mese successivo a quello in cui è stata affittata casa vige SOLO all'intermediario NON al proprietario di casa.

      RIASSUMENDO:

      ✅ O gli intermediari/siti ci trattengono i soldi per pagarci le tasse sugli utili ogni mese,
      ✅ O le paghiamo noi con la solita dichiarazione annuale. STOP.

      SEI UN INTERMEDIARIO?

      Il codice tributo per gli intermediari è il 1919.

      RITENUTA OPERATA ALL'ATTO DEL PAGAMENTO AL BENEFICIARIO DI CANONI O CORRISPETTIVI, RELATIVI AI CONTRATTI DI LOCAZIONE BREVE - ARTICOLO 4,COMMA 5, DECRETO LEGGE 24 APRILE 2017, N. 50.

      ⭕ Più info le trovate sul Supplemento ordinario n. 20/L alla GAZZETTA UFFICIALE:
      ⭕ Qui un utile riepilogo creato da CONFEDILIZIA: 
      Hai una Locazione Turistica?

      Conclusioni



      Spero che l'articolo sia stato esauriente. Se hai altri "dubbi fiscali" riguardo i redditi percepiti con le locazioni brevi, puoi rivolgerti ad un intermediario fiscale.

      Non posso aiutarti personalmente perché "non sono del mestiere"
      Quello che so l'ho scritto qui per il resto ognuno ha una sua storia, diverso reddito, diverse entrate... per cui, per trovare la migliore soluzione, è sempre meglio avvalersi di un professionista per pagare meno tasse possibili, legalmente 😉

      Prima di scappare, baratta 2 secondi per me... Se l’articolo informativo ti è piaciuto, o ti è stato utile, fammelo sapere mettendo un mi piace ^_^ o condividendolo nel tuo social preferito. Lo apprezzo sempre. Grazie.

      Link utili:


      1. Cosa fare trovare in una locazione turistica.
      2. AGENZIA DELLE ENTRATE: quadro RB del modello Unico pdf
      3. Nel mio ebook trovi anche questo articolo insieme a tutti gli altri. 


      aggiornato Febbraio 2019
      Yandex.Metrica